Ikea ritira mantello da pipistrello: graffi sul collo dei bambini

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Nuova allerta. Ikea ha ritirato dai propri punti vendita il mantello del costume da pipistrello LATTJO. Potrebbe infatti provocare graffi e abrasioni sul collo dei bambini che lo indossano.

Il colosso svedese sta provvedendo al richiamo dopo aver ricevuto una serie di segnalazioni. In particolare, tre bambini hanno riportato graffi sul collo mentre giocavano indossando il mantello LATTJO.

Hanno inoltre avuto difficoltà a slacciarlo e toglierlo. Per questo la società ha ordinato l’immediato richiamo del prodotto dai propri punti vendita. Il mantello del costume si trova sugli scaffali di Ikea dal mese di novembre 2015.

Ne avete acquistato uno? Ikea invita a riportare il mantello in qualsiasi negozio, anche senza scontrino, per ottenere il rimborso.

Per ulteriori informazioni è possibile chiamare il Servizio Clienti al numero verde 800 92 46 46, dalle 9 alle 20, da lunedì a sabato.

Francesca Mancuso

LEGGI anche:

ALLERTA: IKEA RITIRA LE BACCHETTE PER TAMBURO E LO STRUMENTO LATTJO. BIMBI A RISCHIO SOFFOCAMENTO

IKEA RITIRA TRE PLAFONIERE PER RISCHIO DI DISTACCO DAL SOFFITTO

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook