15 ottobre: oggi è la giornata della consapevolezza sulla perdita perinatale e infantile

Giornata dei bambini mai nati

Oggi 15 Ottobre, come ogni anno si celebra il Babyloss Awareness Day italiano, la giornata della consapevolezza sulla perdita perinatale e infantile, con una serie di eventi a tema in tutto il paese.

La giornata, portata in Italia nel 2007 da CiaoLapo onlus, nasce per aiutare i genitori ad affrontare il lutto perinatale, per diffondere consapevolezza sull’argomento spesso taciuto, e migliorare la conoscenza, ricordando al tempo stesso tutti i bambini mai nati o scomparsi prematuramente: nati morti, morti nel pancione o subito dopo il parto, o ancora in culla a causa della SIDS.

Della morte perinatale e infantile si parla ancora troppo poco, così come delle cure da destinare ai genitori o delle ricerche mediche e psicologiche a tema, nonostante non sia affatto un evento raro. Basti pensare che riguarda oltre 5 milioni di famiglie ogni anno in tutto il mondo e in Italia circa 2 mila genitori l’anno.

Avere una rete di sostegno in ospedale e sul territorio per queste famiglie è molto importante ma perché questo accada, è fondamentale sensibilizzare l’opinione pubblica e far conoscere il problema, ragione per cui è stata istituita questa giornata.

Il tema del 2019

Il tema scelto per il 2019 è la conoscenza che protegge e gli hashtag di riferimento per condividere storie e immagini sono #laconoscenzacheprotegge #ChiamalocolSuoNome #illuttoperinataleè.

L’intento è chiaro: promuovere la conoscenza medica, psicologica e psicosociale della corretta informazione perché solo attraverso di essa è possibile essere realmente d’aiuto alle persone che ne hanno bisogno.

Eventi in tutta Italia

Babyloss

Ecco alcuni degli eventi previsti in Italia:

  • a Bologna ritrovo in piazza Maggiore alle 17:30 per far incontrare le famiglie e creare una cerimonia simbolica;
  • a Novara CiaoLapo organizza presso Il Broletto un banchetto informativo, lancio dei palloncini e onda di luce;
  • A Firenze a partire dalle 19 di oggi verrà illuminata di rosa e azzurro Porta San Niccolò;
  • il Polo Museale della Sardegna aderisce all’iniziativa illuminando le terme centrali dell’Area archeologica di Turris Libisonis a Porto Torres (SS), due statue di Mont’e Prama al Museo archeologico nazionale di Cagliari e il portale d’accesso della Cittadella dei Musei a Cagliari;
  • A Varese il Gruppo Melograno Gallarate organizza oggi dalle 16 alle 20 l’iniziativa “Uscire dal silenzio” durante la quale sono previsti banchetti informativi, punti di ascolto, decorazione di farfalle dedicate ai propri bambini, letture di brani e laboratori;
  • a Roma Ciaolapo in collaborazione con Nomination svolge il Babyloss 2019 presso il Nomination Store in Via Frattina 114 dalle ore 16. L’evento prevede fra le altre cose una passeggiata di consapevolezza;
  • nelle piazze di varie città di tutto il mondo alle 19:00 è prevista l’iniziativa “Onda di luce, la “wave of light”, con centinaia di candele accese. Per partecipare basta accendere una candela alle 19 locali e mantenerla accesa per un’ora, in questo modo tutto il mondo verrà attraversato da un’onda di luce, un fuso orario dopo l’altro, unendo migliaia di persone accomunate da un lutto.

Babyloss ha inoltre lanciato un progetto social “Mettiamoci la faccia: il lutto perinatale è…”, dedicato alla raccolta di libere testimonianze sull’argomento sotto forma di fotocartelli.

Per verificare se sono previste iniziative a tema nella vostra città, è sufficiente cercare su facebook la pagina di CiaoLapo regionale.

Ti potrebbe interessare anche:

Laura De Rosa

Photo Credit: Facebook

Laureata in Scienze dei Beni Culturali, redattrice web dal 2008 e illustratrice dal 2018, ha pubblicato per Giochidimagia Editore "Il sogno attraverso il tempo". Con SpiceLapis ha realizzato "Memento Mori, guida illustrata ai cimiteri più bizzarri del mondo".
Caffé Vergnano

Women in coffee, il progetto che sostiene il ruolo delle donne che lavorano nelle piantagioni di caffè

Coop

Fuori la plastica dai sacchetti del pane!

tuvali
seguici su Facebook