Il gioco per i bambini è la migliore medicina. E i pediatri iniziano a ‘prescriverlo’

Gioco bambini

L’attività ludica ha solo effetti benefici sulla salute psicofisica dei bimbi e sul loro sviluppo. Facciamoli giocare!

I bambini devono giocare e, quasi quasi, i pediatri arriveranno a prescriverlo. È la provocazione che arriva dai pediatri americani che non ci stanno con la piega che genitori e bimbi delle ultime generazioni stanno prendendo: i piccoli hanno bisogno di sviluppare una serie di competenze per ottimizzare il proprio sviluppo e gestire lo stress ed è possibile solo e soltanto con il gioco.

Nell’ultimo numero di Pediatrics, la rivista dell’American Academy of Pediatrics, i medici vogliono dimostrare che un gioco appropriato dal punto di vista dello sviluppo con genitori e coetanei è un’occasione unica per promuovere le abilità socio-emotive, cognitive, linguistiche e di autoregolazione che creano la funzione esecutiva e un cervello pro-sociale. Inoltre, il gioco supporta la formazione di relazioni sicure e stabili.

Niente smartphone né dispostivi elettronici insomma, miei cari genitori non si scappa: è il gioco, soprattutto quello svolto all’aperto, che migliora la struttura e la funzione del cervello, limita la tendenza a distrarsi e promuove il processo di apprendimento.

Quando nella vita di un bambino mancano giochi e relazioni sicure, stabili e “nutrienti”, dicono i pediatri, lo stress tossico può disturbare lo sviluppo e l’apprendimento del comportamento nella società, compromettendo così anche le interazioni con le altre persone.

Di contro, la gioia reciproca di un gioco, la comunicazione condivisa e la sintonizzazione (interazione armoniosa di servizio e ritorno) che i bambini – anche assieme ai genitori – possono sperimentare durante il gioco regolano la risposta allo stress del corpo costituiscono un rapporto clinico dai mille benefici.

I benefici del gioco

Giocare, quindi, o comunque passare del tempo libero non strutturato, è essenziale per il benessere cognitivo, fisico, sociale ed emotivo dei più piccoli. Svagarsi con i genitori, poi, rafforza i legami d’amore e le connessioni tra i membri della famiglia. Di fatto, il gioco:

  • stimola lo sviluppo del cervello: giocare fa sì che il cervello crei sempre maggiori connessioni nervose, in particolare nel lobo frontale, centro della pianificazione e della presa di decisioni
  • stimola la creatività e l’immaginazione
  • alimenta le abilità mentali che permettono di gestire l’attenzione e il tempo, di pianificare e organizzare e di ricordare i dettagli
  • sviluppa l’elaborazione di una “Teoria della mente”, ossia la capacità di mettersi nei panni dell’altro
    giocare all’aperto allevia anche lo stress, allontana la depressione e stimola la produzione di vitamina D

È per questo che l’Accademia Americana di Pediatria sostiene che il gioco andrebbe prescritto alle famiglie, così come se fosse un farmaco, ma anche alle scuole, dove sempre meno è anche il tempo dedicato all’intervallo, all’educazione fisica, all’arte e alla musica.

Noi, intanto, invitiamo i nostri bimbi a giocare e, appena abbiamo un attimo di tregua, facciamolo anche noi con loro. Si attiverà un meccanismo di ricompensa che non avrà uguali e farà bene a tutta la famiglia. Qui trovate qualche piccola idea sulle attività da fare all’aperto e buon divertimento!

Leggi anche

Germana Carillo

Giornalista pubblicista, classe 1977, laureata con lode in Scienze Politiche, Direttore di Wellme.it per tre anni, scrive per Greenme.it da dieci anni.
Coop

Natale Green, dal menù ai regali, dalle decorazioni alla tavola, la guida per le feste

Hello Fish!

Preservare i nostri mari un passo alla volta, a partire dalla stagionalità del pesce

Coop

Mini-muffin al cioccolato serviti e cotti nella buccia di clementine

Coop

Panettoni e pandori fior fiore Coop al cioccolato: prodotti golosi ed equosolidali per il Natale

Seguici su Instagram
seguici su Facebook