Chiodini: l’intramontabile gioco degli anni ’50 per sviluppare apprendimento e fantasia

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Se avete figli o nipoti sicuramente conoscerete il gioco dei chiodini, un intramontabile passatempo creativo che piace moltissimo ai bambini (ma in realtà anche agli adulti!). Scopriamo tutti i vantaggi di scegliere questo gioco, i benefici per grandi e piccini e le varie versioni che esistono.

Proprio quest’anno il gioco dei chiodini ha compiuto ben 65 anni e questo la dice lunga sul successo che ha avuto fin da quando è stato ideato dall’azienda Quercetti e in particolare dal fondatore Alessandro, pilota e collezionista di aeromodelli.

Inizialmente il gioco si chiamava Coloredo e già all’epoca era stato studiato per aiutare l’apprendimento dei bambini in modo divertente grazie alle varie composizioni che si potevano creare con i chiodini.

coloredo quercetti

Chiodini: cosa sono

Nati come fiammiferi con la capocchia in ceralacca di differenti colori e da inserire in un foglio di cartoncino bucherellato, nel corso degli anni i chiodini si sono modificati diventando spilli di plastica di differenti misure. Ormai ne esistono moltissime versioni, sia per quanto riguarda i veri e propri chiodini che la base su cui vanno posti.

Lo scopo del gioco è realizzare disegni di vario genere sfruttando la base e utilizzando i chiodini dei diversi colori a disposizione. Si viene dunque a creare una sorta di mosaico in rilievo, colorato e artistico a seconda delle capacità e dell’età del bambino.

Il gioco ha avuto successo non solo in Italia ma un po’ in tutto il mondo. La sua fortuna è probabilmente dovuta al fatto che si tratta di un passatempo che riesce a divertire e allo stesso tempo aiuta a sviluppare importanti doti dei bambini.

In realtà non c’è limite di età per apprezzare questo gioco e anche gli adulti possono cimentarsi con la realizzazione di mosaici più precisi e dettagliati.

Chiodini: i benefici del gioco per i bambini e gli adulti

Sui benefici del gioco dei chiodini per i bambini si è concentrata addirittura una recente ricerca scientifica (ancora in corso) condotta in Svezia.

Il dipartimento di Neurobiologia del Karolinska Institute di Stoccolma, insieme al Centre de Recherche en Neurosciences di Lione, stanno valutando l’effetto di questo gioco sulle funzioni cognitive, in particolare sul grado di attenzione e sull’apprendimento di nuove lingue.

Fino ad oggi lo studio ha dimostrato che chi si allena a lungo con i chiodini ha abilità motorie migliori ma anche più spiccate abilità linguistiche. Questo collegamento si spiega con il fatto che le aree cerebrali dedite a queste due, almeno apparentemente, lontane abilità sono le stesse e dunque vi è una connessione importante.

Dei vantaggi di questo gioco beneficiano però anche gli adulti che, se si cimentano spesso con i chiodini, riescono ad imparare meglio una nuova lingua. E questo avviene per lo stesso motivo: la parte del cervello che si occupa di queste due attività è la stessa anche in età adulta. Ecco allora che esistono varianti del gioco perfette anche per i più grandicelli.

Ma i benefici per i bambini che giocano molto con i chiodini non finiscono qui. Ecco i principali:

  • Migliora la motricità fine: e di conseguenza anche grafia, disegno e coordinazione manuale nel complesso
  • I bambini rimangono in contatto con la realtà tramite oggetti tridimensionali (cosa più che mai utile nell’era digitale in cui viviamo)
  • Migliora la capacità di inventare e creare immagini e forme
  • Allena l’abilità di ragionamento visivo e spaziale
  • Per i più piccoli sviluppa l’abilità di riconoscere forme e colori

Chiodini: varianti e tipologie

Visto il successo del gioco, ne esistono ormai diverse varianti pensate per le differenti fasce di età dei bambini, per sviluppare specifiche attitudini e conoscenze ma anche semplicemente per affascinare in maniera originale i più piccoli.

Alcune varianti del gioco propongono all’interno delle schede utili ai bambini per realizzare dei disegni specifici che li aiutano dunque a realizzare con i chiodini colorati animali, figure geometriche o altro.

Ecco le tipologie di chiodini che potete trovare in commercio, nelle migliori giocherie e anche online.

Chiodini: gioco classico

chiodini basic

Chiodini con schede

chiodini schede

Chiodini Junior (per i bambini più piccoli)

chiodini junior

Chiodini con cacciavite e trapano

chiodini cacciavite

Chiodini: gioco portatile (ideale per i viaggi)

chiodini portatile

Chiodini mandala

chiodini mandala

Chiodini: gioco luminoso

chiodini luminosi

Chiodini con accessori in legno

chiodini legno

Chiodini per adulti

chiodini adulti

Le versioni del gioco per gli adulti permettono di riprodurre foto, ritratti, paesaggi, opere d’arte o altro in maniera molto accurata grazie ai piccoli chiodini. Fondamentali in questo caso le schede guida, una volta pronta la propria opera è possibile poi attaccarla al muro.

Leggi anche:

Francesca Biagioli

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook