Gaslini Beach: a Genova la spiaggia per i piccoli pazienti ricoverati collegata all’ospedale da un tunnel

Istituto Gaslini apre una spiaggia per i pazienti

I bambini malati, costretti a stare in Ospedale per lunghi periodi, spesso devono rinunciare a vacanze, gite e belle giornate al mare, tutte cose che sembrano scontate ma che non lo sono per chi è ricoverato a causa di problemi di salute.

Eppure i piccoli pazienti hanno bisogno di svago tanto quanto i bambini sani, forse ancora di più, e la bella notizia è che esiste un famoso ospedale pediatrico che appaga questa necessità.

Stiamo parlando dell’Istituto Gaslini, specializzato nel settore dell’infanzia, che tramite il Circolo Ricreativo Istituto Giannina Gaslini ha dato vita a una spiaggia riservata principalmente ai bambini ricoverati, collegata ai padiglioni tramite un tunnel.

Gaslini Beach, chiamata anche stabilimento elioterapico, si è rivelata un autentico successo per i pazienti e i loro accompagnatori, che qui possono godersi il mare, fare il bagno e prendere il sole come in qualunque altra località balneare, con tanto di sdraio, ombrellone e bagnino. Una cosa davvero unica per un ospedale!

I piccoli pazienti ricoverati e i loro accompagnatori hanno accesso gratuito allo stabilimento purché i medici diano loro l’autorizzazione. Mentre altre figure possono accedervi pagando una quota associativa, che consente alla spiaggia di riaprire di anno in anno. Quest’anno la stagione, iniziata l’8 giugno, si chiuderà il 15 settembre.

Ci auguriamo che questa bella iniziativa sia solo la prima di una lunga serie, perché i bambini malati hanno davvero bisogno di momenti all’insegna dello svago, che li aiutino ad affrontare con coraggio e serenità i lunghi ricoveri.

Ti potrebbe interessare anche:

Laura De Rosa

Fonte: Crigg

Triumph

Together we recycle: Triumph ricicla i capi usati in nome dell’ambiente

Salugea

Come depurare il fegato con gli estratti vegetali

Germinal Bio

Dire addio alla plastica si può: l’esempio da seguire di Germinal Bio

WhatsApp

Usi WhatsApp? Iscriviti alle nostre news gratuite

tuvali
seguici su Facebook