‘Le conseguenze del non andare a scuola sono molto più gravi’. La Francia continua la graduale riapertura (nonostante i casi registrati in 70 istituti)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Vi è più rischio nello stare a casa che nell’andare a scuola“, queste le parole pronunciate dal Ministro dell’Istruzione francese Jean-Michel Blanquer, secondo il quale la prolungata assenza dai banchi scolastici comporta rischi sia di abbandono, che già riguardano 500.000 studenti della scuola primaria e secondaria, che danni psicologici, alimentari e sanitari.

Lo ha ribadito in seguito ai casi di coronavirus rilevati in Francia dopo la riapertura della scuola materna e delle primarie l’11 maggio, casi che hanno costretto diversi istituti a (ri)chiudere le porte.

In tutto sono state 70 le scuole chiuse per via di alunni e personale di supervisione ammalati o sospettati di positività, come confermato dal Ministro in un’intervista rilasciata a RTL France, dove ha specificato che probabilmente erano casi contratti prima del rientro scolastico.

Chiusure che, a suo parere, dimostrano che la Francia non sta sottovalutando il virus, nonostante sia intenzionata comunque a riaprire gradualmente le scuole.

Una decisione, quest’ultima, che non viene messa in discussione perché le conseguenze “del non andare a scuola“, aveva sottolineato Blanquer in un’intervista rilasciata a Europe 1, “sono molto più gravi“, sebbene molti genitori siano preoccupati e riluttanti.

Il Ministro ha cercato di rassicurarli ma ha anche evidenziato con forza l’importanza della formazione scolastica, soprattutto per quei bambini, circa il 4%, che vivono situazioni di disagio sociale, e che non frequentandola, potrebbero subire danni educativi e sociali gravissimi per il resto della vita.

Anche se il rischio zero non esiste, ha detto il Ministro, i protocolli sanitari messi in atto sono molto rigorosi proprio per evitare nuovi contagi, ma è indispensabile che i bambini, in sicurezza, ricomincino a frequentare gli istituti, e che vi ritornino “almeno una volta” prima della fine di maggio.

Il Ministro ritiene, infatti, che l’educazione a distanza sia importante, ma questa va associata alla presenza fisica di studenti e insegnanti.

FONTI: RTL/Europe 1

Ti potrebbe interessare anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze dei Beni Culturali, redattrice web dal 2008 e illustratrice dal 2018, ha pubblicato per Giochidimagia Editore "Il sogno attraverso il tempo". Con SpiceLapis ha realizzato "Memento Mori, guida illustrata ai cimiteri più bizzarri del mondo".
eBay

Come scegliere il gazebo perfetto

eBay

Moda circolare: vendi le cose che non metti e adotta un comportamento sostenibile

NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook