Niente compiti durante le vacanze di Natale: la circolare del ministro della scuola fa discutere

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Una circolare del ministro Bussetti vorrà sensibilizzare i professori e diminuire i compiti per le vacanze

Vacanze? Allora meno compiti per tutti! Non solo durante i mesi estivi, ma anche a Natale bambini e ragazzi dovranno avere il tempo di stare in famiglia e sgobbare di meno sui libri. Almeno così la pensa (anche) il ministro all’Istruzione Marco Bussetti, che ha annunciato per i prossimi giorni una circolare “per la diminuzione dei compiti durante le vacanze”.

Vorrei sensibilizzare il corpo docente e le scuole ad un momento di riposo degli studenti e delle famiglie affinché vengano diminuiti i compiti durante le vacanze natalizie”.

Lo ha annunciato Bussetti a un incontro con il Garante per l’infanzia. Secondo lui, i compiti gravano sugli impegni delle famiglie: “penso a questi giorni di festività e ai ragazzi e alle famiglie che vogliono trascorrerle insieme”.

Quello dei compiti durante le vacanze sembra essere diventato un autentico tormentone. Il movimento “Basta compiti” guidato dal preside genovese Maurizio Parodi sostiene la necessità di eliminarli del tutto: i compiti a casa sono ritenuti una “pratica inutile e dannosa. La petizione che fa parte della campagna è già arrivata a quasi 32mila firme”.

Sulle dichiarazioni del ministro Bussetti, tuttavia, ci sono differenti reazioni. “È un regalo da scartare sotto l’albero, ringraziamo il ministro. Ma di altro ha bisogno la scuola che di questi paternalisti”, dice Angela Nava Mambretti, presidente del coordinamento Genitori democratici. Favorevole il Moige, il movimento italiano genitori: “I compiti a casa e per le vacanze estive hanno un valore. Nel caso della pausa natalizia si può invece fare un’eccezione – spiega la vice presidente Elisabetta Scala. È un periodo così breve che non c’è il rischio che gli alunni dimentichino”.

Ma c’è un ma e, diciamoci la verità, piuttosto il rischio che questi ragazzi stiano il doppio del tempo davanti a uno smartphone o a un pc è dietro l’angolo. Mamma e papà, insomma, che comunque nella maggior parte dei casi continuano a lavorare, dovrebbero stare vicino ai propri cuccioli in maniera creativa e costruttiva e dedicare loro del tempo vero.

Pronti a farlo?

Leggi anche

Germana Carillo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per greenMe dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
ECS

Ripartire in green: come alberghi e strutture ricettive possono rilanciarsi investendo sul turismo verde

ABenergie

Come scegliere e valutare il tuo gestore di energia luce e gas. Scarica la guida

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook