In Danimarca riaprono le scuole, ma con nuove regole: banchi distanziati e più lezioni all’aperto

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Da ieri in Danimarca le scuole stanno pian piano riaprendo. Naturalmente ci saranno regole nuove a cui attenersi: niente baci e abbracci, banchi separati e tante lezioni all’aperto.

La Danimarca è la prima nazione in Europa a riaprire le scuole. Tutti gli istituti di ogni ordine e grado erano stati chiusi dal 12 marzo nel tentativo di contenere l’aumento dei casi di Covid-19 ma da ieri però, sia pur con regole speciali, i bambini fino ai 11 anni sono tornati in classe. Anche altri Paesi europei vogliono sperimentare un rientro graduale in aula.

All’inizio di aprile, il governo del paese aveva annunciato la riapertura delle scuole a patto di rispettare le linee guida del National Board of Health per mantenere le distanze e garantire un’igiene adeguata.

Dunque aperti asili, scuole d’infanzia ed elementari, anche se non ancora in tutti i comuni, c’è  infatti chi si sta adeguando alle nuove norme di sicurezza (tutti saranno comunque operativi entro il 20 aprile).

Gli studenti più grandi, invece, quelli di medie e licei, riprenderanno il 10 maggio. La decisione comunque potrebbe essere rivista nel caso i contagi tornassero a salire.

C’è da dire che, come si poteva immaginare, non è tutto come prima, anzi, molto è cambiato. Diverse le modifiche necessarie per limitare la diffusione dei contagi da coronavirus: i banchi devono essere tenuti a due metri di distanza, le mani devono essere lavate più volte durante il giorno e gli intervalli sono organizzati in piccoli gruppi. Niente baci e abbracci ma, in compenso, la possibilità di fare molta più didattica all’aria aperta.

Tante scuole danesi stanno optando proprio per questa possibilità e si sono attrezzate per fare lezioni fuori dalle tradizionali aule, anche se piove o tira vento. Alcune si sono infatti dotate di apposite tende per poter rimane all’aperto anche in caso di maltempo.

Non tutti però sono soddisfatti di questa scelta. Alcuni genitori, preoccupati, hanno deciso comunque di non mandare i propri figli a scuola.

Nel resto d’Europa, anche altri paesi hanno già annunciato la riapertura delle scuole.  Pronta ad esempio la Norvegia, mentre in Francia, Emmanuel Macron, ha dichiarato che si tornerà gradualmente in classe a partire da maggio; in Germania e Lussemburgo si parla del 4 Maggio, 10 Maggio poi per la Grecia e persino la Spagna sta valutando una possibile riapertura, con le dovute cautele.

In Italia invece? E’ probabile se ne riparli direttamente a settembre (se tutto va bene).

La didattica all’aperto noi la sogniamo da sempre e chissà che anche nel nostro paese, nel momento in cui si deciderà di riaprire le scuole, non si possa approfittare della situazione per fare qualche cambiamento positivo in questo senso.

Fonti di riferimento: DR/ nyheder tv danmark

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

Repubblica di San Marino

Repubblica di San Marino: il turismo slow e green che non ti aspetti

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook