Cucciolo di cane salvato da una scimmia

Cuscino per allattamento Boppy: negli Usa 7 neonati sono morti a causa di un utilizzo scorretto

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Boppy è il marchio di un noto cuscino per l’allattamento venduto anche nel nostro paese. Negli Usa si segnala però un fatto molto grave che riguarda proprio questo dispositivo: un utilizzo scorretto avrebbe provocato la morte di 7 neonati.

Il cuscino per l’allattamento è un oggetto molto pratico e utile per i neogenitori (ve l’abbiamo consigliato anche noi tra i prodotti che non dovrebbero mai mancare in una lista nascita green) ma è estremamente importante utilizzarlo nel modo corretto per evitare rischi.

Secondo una nuova analisi condotta da Consumer Reports a partire dai dati del governo degli Stati Uniti, un utilizzo sbagliato del cuscino per allattamento Boppy può comportare gravi rischi per i bambini e ha portato alla morte di 7 di loro. 

Consumer Reports scrive:

Accade quasi un anno dopo che la Consumer Product Safety Commission, l’agenzia federale che sovrintende migliaia di articoli per la casa, ha avvertito gli operatori sanitari di non lasciare mai che i bambini dormano su materassini , che sono pensati per far sedere o sdraiare i bambini mentre sono svegli, o su cuscini per l’allattamento che hanno lo scopo di facilitare l’allattamento al seno. Il rischio è che quando i bambini vengono lasciati incustoditi o dormono su questi prodotti si possono ribaltare o la loro testa può cadere in modo tale da bloccare le vie respiratorie e portare al soffocamento.

Quando il CPSC aveva avvertito dei rischi (ottobre 2020), Consumer Reports aveva indagato scoprendo almeno 28 decessi infantili (dal 2012 al 2018) legati proprio all’utilizzo errato di cuscini per l’allattamento e lettini per bambini realizzati da varie aziende, tra cui anche Boppy.

Da allora, purtroppo, si sono verificati altri sette decessi infantili e un infortunio segnalati tramite il database pubblico, tutti collegati a cuscini per l’allattamento a marchio Boppy, utilizzati erroneamente dai genitori per far dormire i piccoli. Il problema in questi casi si è posto nel momento in cui i bambini si sono mossi rotolando nel morbido tessuto con cui sono realizzati i cuscini non riuscendo più a respirare.

Consumer Reports precisa però che, in molti casi, c’erano altri fattori che potevano aver contribuito alla morte, come ad esempio una coperta posizionata sopra il bambino.

Boppy ha risposto, su richiesta di Consumer Reports, tramite il suo vicepresidente marketing Amy St. Germain:

per trovare una soluzione che aiuti a rendere i bambini più sicuri. Attualmente, stiamo aspettando maggiori informazioni dal CPSC mentre continuiamo il nostro dialogo. Naturalmente, anche la morte di un bambino è troppa e siamo devastati nel sentire parlare di queste tragedie. Da tempo forniamo avvertenze e istruzioni chiare e inequivocabili per un utilizzo sicuro su tutti i prodotti. Abbiamo sempre sottolineato che i nostri prodotti sono solo per la veglia. E, come chiaramente indicato su tutti i prodotti, imballaggi e materiali promozionali, i neonati non devono essere incustoditi o lasciati dormire su o con qualsiasi prodotto Boppy. Nonostante queste misure, il nostro prodotto è stato utilizzato per il sonno dei bambini in letti per adulti, divani, culle, contrariamente ai nostri avvertimenti, alle linee guida di AAP e all’avvertimento del 7 ottobre 2020 di CPSC.

Importante ricordare dunque che, se il bambino si addormenta sul cuscino durante l’allattamento, è sempre bene spostarlo su una superficie solida per permettergli di riposare in tutta sicurezza.  

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Fonte: Consumer Reports 

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, consumi e benessere olistico. Laureata in lettere moderne, ha conseguito un Master in editoria
Schär

Pasta madre senza glutine: tutto quello che devi sapere

Ènostra

“Libertà è autoproduzione”: con ènostra l’energia è rinnovabile, etica e sostenibile

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook