Creme per neonati e bambini a confronto: ottime Lavera, Hipp e Weleda, bocciate Nivea e Penaten

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Una crema è spesso utile per idratare e proteggere la pelle dei più piccoli dopo il bagnetto. Ovviamente deve essere un prodotto di buona qualità e “pulito” dal punto di vista degli ingredienti. Un nuovo test ha confrontato diversi prodotti scoprendo che alcuni contengono tracce di idrocarburi.

Una delle nuove analisi di OkoTest ha messo a confronto 22 creme per neonati e bambini (alcune delle quali vendute anche in Italia), prodotti per la cura dei più piccoli che dovrebbero essere assolutamente privi di ingredienti problematici.

A finire sotto la lente dei tecnici di laboratorio della rivista sono in questo caso non le creme per il cambio ma piuttosto quelle che si utilizzano sul viso o il corpo dopo il bagnetto con funzione emoliente, idratante e protettiva.

Una volta scelti i 22 prodotti (12 dei quali sono cosmetici naturali ed ecologici) sono state valutate le liste degli ingredienti di ciascuno per esaminare se vi fossero paraffine, siliconi, ftalati, PEG o polimeri sintetici dannosi per l’ambiente.  I laboratori poi sono andati a caccia di componenti di oli minerali e formaldeide.

Sotto il mirino degli esperti anche le fragranze, ovvero i profumi, che possono scatenare reazioni allergiche.

I risultati

La maggior parte delle creme per neonati sono risultate “molto buone” (19 su 22) e un altro prodotto ha ricevuto il punteggio di “buono”.  Solo 2 creme sono assolutamente sconsigliate e hanno fallito il test non raggiungendo neppure la sufficienza.

Le peggiori sono proprio quelle di due marchi noti, finiti in fondo alla classifica perché contengono ingredienti discutibili. Si tratta delle creme Nivea Baby Soft Cream e Penaten che contengono idrocarburi aromatici degli oli minerali (MOAH) ma anche paraffine, derivati dal petrolio che possono essere contaminati con MOAH.

test creme bambini peggiori

©Oko-Test

Anche senza MOAH, comunque, come sottolinea la rivista, le paraffine dovrebbero essere valutate in modo critico dato che non si integrano nel naturale equilibrio della pelle così come fa invece un olio naturale. Si tratta, tra l’altro, di ingredienti non necessari come dimostra il fatto che la gran parte delle creme del test non li contengono.

Una delle due creme peggiori, quella Penaten, contiene inoltre idrossitoluene butilato (BHT), un altro ingrediente problematico. Utilizzato come antiossidante, il BHT può formare composti cancerogeni. La sostanza si accumula anche nel tessuto adiposo umano e può scatenare allergie. Fortunatamente, il produttore di questa crema, Johnson& Johnson, ha fatto sapere alla rivista di aver eliminato questo ingrediente dalla composizione della sua crema.

Due creme per neonati (Nivea e Beauty Baby Gesichts & Körpercreme Sensitiv) contengono poi polimeri sintetici. Non si tratta di microplastiche solide ma di plastica in forma liquida che, allo stesso modo, si degrada difficilmente nell’ambiente e andrebbe eliminata dato che non è affatto necessaria nelle creme, come dimostra la composizione degli altri 20 prodotti dove non è presente.

Di ottima qualità sono risultate invece, tra le altre, le seguenti creme:

  • Farfalla Baby Rose
  • Lavera Baby & Kinder
  • Logona Baby
  • Hipp Baby sensitive
  • Sebamed Baby & Kind
  • Weleda Baby Calendula

©Oko-Test

test creme bambini migliori

© Oko-Test

Fonte: OkoTest

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook