PECSBook: il comunicatore digitale e Made in Italy che ‘fa parlare’ i bambini autistici

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

I bambini autistici hanno spesso difficoltà a parlare o comunque ad esprimere al meglio i propri pensieri ed emozioni. Ad aiutarli in questa impresa, molte volte ardua, arriva adesso un comunicatore digitale ideato da due giovani campani.

Spesso le idee più geniali non arrivano da importanti scienziati o inventori ma dal basso, da persone comuni animate da passione e desiderio di aiutare gli altri. È il caso di due ragazzi campani, Antonio Passero e Domenico Taffuri che, dopo aver lavorato per mesi alla nascita di una startup presso lo 012 Factory di Caserta, sono riusciti ad ideare un dispositivo che potrà essere utile ai tanti bambini affetti dallo spettro autistico.

Si tratta di un comunicatore digitale che si avvale del metodo PECS (sistema di comunicazione per scambio di immagini) e lo migliora grazie alle potenzialità di uno strumento tecnologico in grado di risolvere e velocizzare alcuni dei problemi che presenta la versione cartacea del metodo.

Ad aiutare i due ragazzi a realizzare il PECSBook c’è stato anche Vincenzo Abate con la sua grande esperienza (è padre di due ragazzi autistici e fondatore de “La forza del silenzio”, un’associazione onlus il cui scopo è quello di migliorare la qualità di vita dei ragazzi che rientrano nello spettro autistico).

Il classico metodo PECS prevede di fare una lista di cose che piacciono al bambino raffigurandole poi in una serie di tessere plastificate. Si chiede poi al piccolo di trovare la cosa che desidera all’interno di quelle carte e se tutto va nel modo corretto gli si consegna l’oggetto desiderato. Grazie a questo dispositivo digitale, però, la comunicazione dei bambini autistici sarà ulteriormente facilitata.

comunicatore autismo ragazzi

Il PECSBook, dopo essere stato acceso e programmato attraverso l’area riservata inserendo le varie tessere, può essere utilizzato per fare training con il bambino selezionando le varie azioni a disposizione e con in più la possibilità di una riproduzione vocale.

I vantaggi di questo strumento sono molteplici, sia per il terapista che sta lavorando con il bambino che per il bambino stesso. Il tutto viene infatti eseguito in maniera più veloce e agevole rispetto alle carte e con delle funzioni in più come ad esempio la possibilità di fare una ricerca web.

Anche i non addetti ai lavori e i genitori potranno utilizzare il PECSBook con facilità grazie all’interfaccia userfriendly che agevola le funzioni di base del dispositivo.

Dal canto loro, i bambini hanno la possibilità di divertirsi con uno strumento digitale, un modo per favorire anche l’apprendimento. Altro vantaggio da non sottovalutare è che questo dispositivo ha un costo inferiore di circa il 30% rispetto ad altri strumenti già esistenti.

Attualmente il PECSBook è in prova a Casal di Principe presso la sede dell’associazione di Vincenzo Abate ma, se tutto va bene, potrebbe diventare disponibile a breve anche nelle ASL della zona e in maniera gratuita.

Leggi anche:

Francesca Biagioli

Foto

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

ABenergie

Smart working: come scegliere il tuo gestore di energia ora che lavori da casa

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook