No ai compiti delle vacanze, i bambini hanno diritto al riposo: la protesta delle mamme

compiti delle vacanze

Compiti delle vacanze sì o no? Di solito alla fine della scuola le insegnanti assegnano dei compiti che i bambini dovrebbero svolgere durante le vacanze. Non sempre i compiti sono obbligatori, anzi, normalmente vengono indicati come facoltativi. È giusto che ai bambini vengano assegnati dei compiti per le vacanze? Le mamme di una scuola primaria di Milano dicono di no. E protestano.

Si tratta delle mamme della classe terza A della scuola primaria Giovanni Battista Pirelli di Milano, che rivendicano il diritto al riposo per i bambini durante l’estate. Secondo le mamme milanesi, a otto o nove anni i bambini hanno diritto a fare le loro vacanze senza obblighi e senza pensieri. Per questo si sono riunite e hanno deciso di non far fare i compiti delle vacanze ai loro bambini. Le insegnanti ribattono specificando che i compiti delle vacanze sono facoltativi, anche perché non si possono obbligare i genitori ad acquistare dei libri al di fuori di quelli di testo.

Leggi anche: ALTERNATIVE INTERESSANTI AI CLASSICI COMPITI DELLE VACANZE

Sono sempre di più i genitori convinti che i bambini durante le vacanze abbiano diritto al gioco e al riposo, e che non dovrebbero fare i compiti. Secondo altri, però, i compiti delle vacanze possono avere un risvolto educativo e, magari, aiutare i bambini a recuperare concetti che non avevano ben compreso durante l’anno, a patto di trovare genitori o altre figure disponibili a seguirli.

Compiti per le vacanze, sì o no?

I compiti delle vacanze possono sembrare più o meno pesanti, a seconda della quantità e da come vengono proposti dagli insegnanti. È sicuramente vero che durante l’estate i bambini finalmente devono avere il tempo di giocare, di riposare e di divertirsi, dato che durante l’anno sono super impegnati in mille attività che vanno oltre la scuola stessa. Ci sono bambini che ogni giorno durante l’anno rimangono a scuola fino alle 16.30, e che quindi nel periodo scolastico sono sempre molto impegnati. Le mamme allora chiedono per loro un’estate di libertà e non imporranno i compiti. Non vogliono essere delle aguzzine, insomma, e nemmeno sostituirsi agli insegnanti, perché non è quello il loro ruolo.

Leggi anche: LA LISTA DEI COMPITI PER LE VACANZE CHE TUTTI VORREMMO AVERE

A nostro parere potrebbe esistere una via di mezzo. Se si preferisce non obbligare i bambini a fare i classici compiti delle vacanze, si potrebbe suggerire loro di leggere dei libri divertenti e interessanti, insomma, di fare una pausa dedicata alla lettura tra un gioco e l’altro, sempre senza costrizioni e a discrezione di ogni genitore. Teniamo anche conto che in Italia le vacanze estive sono lunghe e che i bambini hanno ben tre mesi da trascorrere in libertà, quindi magari a settembre si potrebbe proporre qualche semplice esercizio per tenersi in allenamento.

Leggi anche: BASTA COMPITI A CASA: 6 MOTIVI PER CUI È IMPORTANTE CERCARE UN’ALTERNATIVA (PETIZIONE)

Cosa ne pensate? I vostri figli faranno i compiti delle vacanze?

Marta Albè

Life Coach, insegnante di Yoga e meditazione. Autrice del libro “La mia casa ecopulita” edito da Gribaudo - Feltrinelli editore.
Salugea

Come fare incetta di vitamina D in inverno per evitare una carenza

Coop

Le bottigliette d’acqua riciclate del Jova Beach Party diventano t-shirt sportive

Caffè Vergnano

Regali di Natale: un’idea personalizzata e green per la persona che ami

Florena Fermented Skincare

Cosmetici naturali fermentati: cosa sono e perché sono così efficaci per la cura del viso

Seguici su Instagram
seguici su Facebook