@nestea06/123rf

Ciucci per neonati: due prodotti del test italiano contengono il pericoloso bisfenolo A (ma sono a norma di legge)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Molti neonati e bambini utilizzano ciucci per un periodo di tempo più o meno lungo ma questi prodotti, che stanno a contatto con la bocca, sono davvero sicuri e privi di sostanze chimiche potenzialmente pericolose?  La rivista Altroconsumo ha voluto scoprirlo analizzando 35 ciucci dei marchi più noti e venduti in Italia.

L’analisi è stata condotta in collaborazione con Test Achats, l’associazione di consumatori belga e si  è concentrata in particolare su alcune sostanze chimiche pericolose e che con più probabilità di altre si potevano trovare all’interno dei ciucci. Si tratta di nitrosamine e sostanze nitrosabili, ftalati, bisfenolo, paraffina e silossani.

I risultati

Fortunatamente il test ha mostrato che quasi tutti i ciucci sono privi di sostanze nocive o, quanto meno, queste sono sotto il limite di rilevabilità, cioè lo strumento per individuarle non riesce a misurarne la presenza.

Fanno eccezione due prodotti in cui, nello scudo in plastica del ciuccio (che comunque rimane a contatto con le labbra del bambino) è stato trovato bisfenolo A:

  • Dodie Sucette anatomique
  • Philips Avent Succhietto Ultra Air night (SCF376/21)

Ma quanto bisfenolo A contenevano questi ciucci? Scrive Altroconsumo:

Il primo è risultato 20 volte oltre il limite di rilevabilità dello strumento, il secondo 10 volte.

Ricordiamo che il bisfenolo A è un interferente endocrino e può danneggiare la fertilità, si può dunque immaginare quanto sia pericolosa l’esposizione in un organismo in fase di crescita.

La rivista sconsiglia dunque l’acquisto dei due ciucci in cui è stata trovata la sostanza chimica nonostante, sottolinea Altroconsumo, questi prodotti sono a norma di legge:

Bisogna dire che questi due prodotti non sono fuorilegge, perché la normativa europea non stabilisce limiti restrittivi per la presenza di bisfenolo A nei ciucci. Limiti che, invece, prevede per i giocattoli da mettere in bocca per la dentizione o per i contenitori per alimenti destinati ai bambini con meno di tre anni. Per questo abbiamo preso come riferimento la normativa francese che include anche i ciucci tra i prodotti che, essendo destinati a bambini con meno di tre anni, non devono contenere bisfenolo A. Normativa che chiediamo sia estesa a livello europeo oppure che i ciucci siano inclusi nella norma dei contenitori per alimenti o dei giocattoli per la dentizione considerato che spesso vengono usati come tali e che e anzi il contatto ciuccio-bimbo rischia di essere più prolungato di quello con un biberon o con un giocattolo.

Al di là delle contraddizioni della normativa, che ovviamente non ci dovrebbero essere considerando quanto sia delicato l’utilizzo dell’oggetto in questione, si può fare sicuramente a meno del bisfenolo A come dimostrano i 33 ciucci del test che ne erano privi. 

Potete vedere tutti i ciucci analizzati nelle seguenti infografiche.

ciucci test risultati

ciucci test risultati 2

@Altroconsumo

Seguici su Telegram |Instagram |Facebook|TikTok|Youtube

Fonte: Altroconsumo

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, consumi e benessere olistico. Laureata in lettere moderne, ha conseguito un Master in editoria
Ènostra

“Libertà è autoproduzione”: con ènostra l’energia è rinnovabile, etica e sostenibile

Schär

Pasta madre senza glutine: tutto quello che devi sapere

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook