Cereali e snack fortificati con vitamine e minerali: dosi troppo alte per i bambini

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Sugli scaffali dei supermercati si trovano diversi snack ma anche cereali per la colazione e altri prodotti cosiddetti “fortificati” ovvero addizionati con vitamine e sali minerali di sintesi. Sembra però che, soprattutto nel caso dei bambini, ci sia pericolo di somministrare inconsapevolmente delle dosi eccessive di queste sostanze.

Per prima cosa viene da chiedersi: perché cereali, barrette e altri snack vengono addizionati con vitamine e minerali? La risposta è semplice: altrimenti sarebbero alimenti vuoti di nutrienti e ricchi solo in calorie dato che la maggior parte di questi prodotti sono fatti con farine raffinate, sottoposti a lavorazioni industriali e addizionati con alte dosi di zucchero, grassi, coloranti, aromi, ecc. Inoltre ancora troppe persone si fanno ingannare dalle etichette, ritenendo che un alimento in cui sono presenti vitamine e minerali (sia pur forzatamente) sia migliore di altri.

A puntare il dito su questi prodotti è stato l’Environmental Working Group (EWG) di Washington che ha analizzato 1.556 cereali per la prima colazione e 1.025 tra barrette energetiche e snack vari. Quello che si è riscontrato è che le dosi di vitamine e minerali addizionati corrispondono spesso all’RDA (dose giornaliera consigliata) per un adulto, un quantitativo esagerato per un bambino. Inoltre 114 cereali analizzati avevano un quantitativo del 30% maggiore rispetto all’RDA di vitamina A, zinco e niacina (vitamina B3), mentre per quanto riguarda le barrette 27 avevano concentrazioni maggiori del 50% di una delle suddette sostanze.

Tra l’altro c’è da dire che spesso, e a volte con troppa leggerezza, vengono già dati ai bambini degli integratori multivitaminici o di minerali. A quel punto, quindi, la dose di queste sostanze ingerita, diviene per un bambino assolutamente esagerata e difficile da gestire.

Renée Sharp, direttrice dell’Environmental Woorking Group, ha spiegato che alcune vitamine come ad esempio la A se assunte in eccesso possono affaticare il fegato, mentre dosi troppo alte di un minerale come lo zinco potrebbero andare ad interferire con l’assorbimento di altri minerali.

Cosa vi consigliamo dunque? Di evitare questi prodotti scegliendo per i vostri figli frutta e verdura fresca e di stagione (queste sì ricche naturalmente di sali minerali e vitamine) e cereali integrali, come fiocchi di avena o mix di 5 cereali biologici. Golosi snack poi si possono fare anche in casa, potete seguire questa ricetta per delle barrette ai cereali, oppure optare per quelle alle bacche di goji.

Francesca Biagioli

Leggi anche:

– Cereali confezionati per la prima colazione: troppo zucchero e poche fibre

– Snack: barrette ai cereali fatta in casa (vegan)

– Barrette energetiche homemade alle bacche di goji

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook