Igiene dentale dei bambini: ecco i cibi da evitare

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Quante volte, da piccoli, ci siamo sentiti dire “non mangiare troppe caramelle che poi ti cadono i denti!”. Con il passare degli anni la regola è ancora valida: dolci e zuccheri aggrediscono lo smalto e favoriscono l’insorgere della carie.

Per questo – gli esperti consigliano – i bambini dovrebbero fare un’abbondante colazione, lavarsi bene i denti subito dopo, evitare di mangiare fuori pasto e di consumare troppi dolciumi, e preferire invece verdura e latte crudo.

Insomma, le stesse regole indicate per mantenersi in forma e in salute valgono anche per i denti di grandi e piccoli.
Con i bambini, però, spesso diventa molto difficile abolire caramelle, dolci e merendine! Ecco allora il consiglio dell’esperto: “Purtroppo sono tutte cose buone, non sono proibite, ma richiedono molta attenzione quando ci si lava i denti. Il tipo di spazzolino è fondamentale”.

La lista dei cibi più pericolosi:
I bambini dovrebbero quindi evitare di assumere grandi quantità di frutta, succhi e polpe di frutta (soprattutto se addizionati di saccarosio), bevande zuccherate acide, spesso gassate, bevande dolci a base di malto, soft-drink, zucchero e miele, confetture di frutta, gelatine, creme dolci, caramelle e dolciumi vari, cioccolato al latte e derivati, sciroppi e farmaci pediatrici aromatizzati, alimenti confezionati, alimenti molto acidi: agrumi, mele, ananas, uva, fragole, aceto, vino, pomodori.

Insomma, nessuno suggerisce di negare ai bambini succhi di frutta, miele o sciroppi, ma – come sempre – è opportuno badare alle quantità, che ancora una volta fa la differenza. Anche per i dentini dei più piccoli!

Per aiutare grandi e piccoli a capire i metodi e le buone pratiche per assicurare ai bambini un’igiene dentale duratura, l’AIDI – Associazione Igienisti Dentali Italiani – è impegnata da anni nelle più grandi piazze d’Italia. Anche quest’anno, tra l’8 e il 16 ottobre, sarà in 21 piazze italiane con la campagna “Tutti in piazza sorridenti”.

Verdiana Amorosi

Per info: www.aiditalia.it

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook