Serena, il basset hound che accompagna i bambini in sala operatoria e li aspetta dopo l’intervento

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

I bambini del reparto di pediatria dell’Ospedale fiorentino Santa Maria Annunziata saranno accompagnati da Serena in sala operatoria, un’infermiera molto speciale. Si tratta di un dolcissimo basset hound che oltre a far loro compagnia verso la sala, ne aspetta l’uscita dopo gli interventi di tonsillectomia e adenoidectomia.

Una bellissima iniziativa quella dell’ospedale di Bagno a Ripoli, dove i piccoli pazienti potranno trovare questo simpatico cane ad allietare la loro degenza ma soprattutto a distrarli in un momento che può essere particolarmente difficile, come quello dell’ingresso in sala operatoria.

A seguire Serena a spasso per il reparto è Benedetta Fragorzi, che appartiene all’Associazione “Il Poderaccio-Accademia Cinofila Fiorentina Asd”.

“I bambini ospedalizzati hanno accolto molto bene questa iniziativa, che li aiuta a vivere al meglio un momento difficile e a dimenticare il disagio del post intervento e superare così la paura della stanza d’ospedale. I genitori hanno particolarmente apprezzato l’iniziativa perché ha contribuito a rendere più piacevole il ricovero ospedaliero dei loro bambini” ha spiegato Marco Pezzati, direttore dell’area pediatrica aziendale.

Il progetto è stato finanziato dall’Associazione Onlus “Vorrei prendere il treno” fondata da Iacopo Melio grazie a una raccolta di fondi.

Col vostro aiuto siamo riusciti a finanziare un anno di pet-therapy nel reparto di pediatria presso l’Ospedale “Santa Maria Annunziata” di Bagno a Ripoli (Firenze). Il progetto, del valore di 4.000 € , verrà svolto dal personale qualificato dell’Accademia Cinofila Fiorentinasi legge sul sito dell’associazione secondo cui la malattia è un momento di crisi, sia a livello biologico sia a livello psicologico e il bambino ospedalizzato vive tale situazione spesso in modo traumatico.

ospedale bambini firenze

Foto: Vorrei prendere il treno

Il contatto con l’animale, invece, risveglia nei piccoli malati la naturale curiosità di toccare, coccolare, accarezzare, cioè d’instaurare un rapporto. I bambini e i loro genitori trascorrono così momenti speciali, convincendosi del fatto che l’ospedale non è solo un luogo in cui si fanno cose spiacevoli e dolorose” spiega Vorrei prendere il treno. “L’interazione con gli animali agevola il raggiungimento di obiettivi terapeutici come il rilassamento, la riduzione del senso di isolamento e solitudine, dell’ansia, della percezione del dolore, degli stati depressivi, e il miglioramento della capacità di razionalizzare la paura”.

D’altronde è stato ampiamente dimostrato che la presenza degli animali negli ospedali sia davvero benefica, non solo per i bambini ma anche per gli adulti. Sono sempre più numerosi i reparti italiani dove cani e gatti sono i migliori alleati dei medici .Anche il personale dell’ospedale toscano si è detto soddisfatto dell’iniziativa.

Non possiamo che augurarci che tante “Serena” possano essere ancora più presenti nei nostri ospedali.

LEGGI anche:

Francesca Mancuso

foto cover: La Stampa

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook