Bonus asilo nido, confermato anche per il 2019: a chi spetta e come richiederlo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Anche per il 2019 i genitori potranno usufruire del cosiddetto bonus nido, l’assegno di 1000€ annui destinato ai bambini che frequentano asili pubblici o privati. Ecco quali sono i requisiti ed entro quando presentare la domanda.

Riconfermato anche per il prossimo anno, il bonus nido 2019 viene erogato a prescindere da Isee e reddito. Tutti ne hanno diritto purché i bambini frequentino un asilo nido pubblico o privato autorizzato. Per il 2019 e il 2020 sono stati stanziati rispettivamente 300 e 330 milioni di euro.

Così come per il bonus nido 2018, anche per il prossimo anno l’agevolazione sarà sotto forma di rimborso riconosciuto dall’Inps a fronte della retta pagata. L’importo massimo sarà di 90,91 euro mensili erogati per 11 mensilità, pari a 1000€ l’anno. Potrà essere richiesto per un massimo di 3 anni.

Bonus asilo nido 2019: a chi spetta

Il bonus asilo nido spetta:

  • ai bambini nati dal 1° gennaio 2016 in poi, che risultano iscritti all’asilo nido pubblico o privato
  • ai bambini malati cronici con necessità di cure presso il domicilio
  • famiglie con figli nuovi nati a partire dal 2016 in poi senza limite di reddito Isee

Bonus asilo nido: i requisiti

Come per il 2018, il bambino dovrà essere iscritto al nido, deve avere la stessa residenza della mamma o papà richiedenti. Inoltre, il genitore richiedente deve avere cittadinanza italiana, comunitaria o extracomunitaria, e in quest’ultimo caso è richiesto il permesso di soggiorno CE o la carta di soggiorno.

In caso di richiesta per più figli, si dovranno presentare più domande, una per ogni bambino.

Bonus asilo nido: come e quando presentare la domanda

Le domande vanno presentate entro il 31 dicembre di ogni anno quindi per il 2019 sarà possibile inoltrarla a partire da gennaio. È possibile compilarla e inviarla tramite il sito dell’Inps o tramite CAF. Nel caso in cui il nido sia privato autorizzato, occorre allegare anche un documento con gli estremi del procedimento autorizzativo.

Una volta compilata e accolta la domanda, di mese in mese si dovranno allegare le ricevute del pagamento, sia quella del bonifico che la ricevuta emessa dalla scuola, per ottenere il rimborso.

È chiaro che se la cifra è inferiore ai 91€ previsti, il rimborso sarà pari ad essa. Ad esempio, se la retta è pari a 80€, otterremo esattamente questo rimborso.

In caso di assistenza domiciliare, si riceverà l’importo di 1000€ in un’unica soluzione.

Ulteriori informazioni saranno reperibili qui

LEGGI anche:

Francesca Mancuso

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

NaturaleBio

Cacao biologico naturale, in granella o in polvere: benefici e ricette per portarlo in tavola con gusto

Cristalfarma

Come gestire nel proprio piccolo disturbi d’ansia e stress di uno dei momenti storici più difficili

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook