Bimba di sei mesi con problemi cardiaci e polmonari ha sconfitto il coronavirus

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

A soli sei mesi, mentre già era alle prese con seri problemi cardiaci e polmonari derivanti da una rara malattia diagnosticata poco dopo la nascita, la piccola e bellissima Erin Bates è riuscita a guarire dal coronavirus. Le sue dimissioni sono state una grande festa per i genitori, l’ospedale e l’Inghilterra tutta.

La bimba era stata da poco sottoposta a un intervento chirurgico a seguito di problemi al cuore e alla trachea quando le è stato diagnosticato il COVID-19. La sua fotografia nel reparto di terapia intensiva presso l’ospedale Alder Hey di Liverpool attaccata al respiratore con una maschera per l’ossigeno che le copriva tutto il viso, aveva commosso l’intera Gran Bretagna e utilizzata dalla famiglia, straziata dal dolore, come monito e incoraggiamento a seguire le misure di distanziamento sociale e rimanere a casa.

Erin_stay-home

E ieri, dopo due settimane di alti e bassi la piccola è stata finalmente dimessa alla terapia intensiva e spostata in reparto. I video postati dai genitori Wayne ed Emma che mostrano tutto il personale medico in festa, scaldano davvero il cuore. Su Facebook è stato anche aperto un gruppo per continuare a seguire il viaggio di questa piccola guerriera che è ancora lungo a causa degli altri problemi clinici della bimba, ma che comunque oggi sono tornati a vivere e “orgogliosi” della loro piccola guerriera. La mamma di Erin ha scritto:

“La nostra bambina ha battuto COVID-19. Siamo così orgogliosi. Grazie a tutto lo staff di Alder Hey, sei davvero fantastico.”

Anche l’ospedale ha voluto “festeggiare le dimissioni dalla terapia intensiva  con un post in cui dichiara:

“Potresti aver sentito parlare di Erin di sei mesi, che si trova in Alder Hey dopo che è stato recentemente diagnosticato il covid-19. Erin è stata in una stanza di isolamento qui per 14 giorni con mamma Emma mentre era curata dal nostro staff. Oggi, la piccola Erin ha battuto COVID-19 dopo il test negativo ha ricevuto una guardia d’onore dal team di trattamento sulla nostra HDU mentre veniva spostata dall’isolamento. È ancora in cura per altre condizioni all’Alder Hey, ma sta facendo buoni progressi”

Vinta la battaglia, dunque Erin continua la sua guerra e rimane in ospedale per ricevere le cure per le sue preesistenti condizioni, ma per fortuna sta bene ed è diventata un simbolo di speranza per tutti i malati di Covid-19 con patologie pregresse. Come ha dichiarato il papà:

” volevamo che la gente sapesse che il coronavirus non deve essere una condanna a morte per persone con condizioni preesistenti”

Alcuni amici di famiglia hanno anche aperto proprio ieri una campagna di crowdfunding su GoFoundMe per aiutare e sostenere la famiglia a pagare spese e bellette mentre la mamma Emma non è in grado di lavorare per assistere la sua piccola in ospedale.

Un grande in bocca al lupo a questa piccola, grande guerriera e a tutta la sua famiglia

Fonti: itv /Erin’s Journey / GoFundMe /

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Direttore responsabile ed editoriale di greenMe. Ha una laurea in Scienze della comunicazione e un'esperienza pluriennale negli uffici stampa. In greenMe ha trovato il modo di dare sfogo alla sua "natura" più vera.
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook