Credits: National Library of Medicine

Metalli pesanti nelle unghie di centinaia di bambini a Barletta, report shock dell’ASL

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

A Barletta, nell’area in cui sorge un antico cementificio (ora inceneritore di rifiuti), i bambini subiscono le conseguenze più gravi dell’esposizione ai metalli pesanti e ai fumi tossici.

A Barletta sorge un importante cementificio (da circa 100 anni). Se in un primo momento la struttura era esterna al centro abitato, con il passare degli anni e l’estensione della città, il cementificio è stato inglobato nel tessuto urbano e oggi viene coinceneritore di rifiuti pretrattati, destando molte preoccupazioni nella popolazione residente. Per questo motivo, a inizio del 2019, il comune e l’Azienda Sanitaria Locale hanno siglato un accordo per effettuare un bio-monitoraggio sulle fasce più giovani della popolazione, ovvero i bambini. Il dottor Agostino Di Ciaula, medico presso l’Ospedale di Bari e referente regionale dell’Isde (l’Associazione medici per l’ambiente), è stato incaricato di condurre questo studio.

È stata effettuata quindi la misurazione di 24 metalli nelle unghie dei piedi di 366 bambini tra i 6 e i 10 anni residenti nel comune pugliese: le unghie, infatti, sono sensori delicati in grado di assorbire l’inquinamento ambientale più che altri tessuti del nostro corpo. Dallo studio, pubblicato in queste settimane, è emerso che i bambini che vivono o frequentano la scuola nelle aree maggiormente esposte alle emissioni nocive dell’impianto mostrano un accumulo cronico di metalli tossici nei tessuti. Troppo poco è stato fatto (e si sta facendo) per tutelare la salute dei più piccoli, esposti sin dai primi anni di vita a concentrazioni troppo elevate di metalli e sostanze nocive che ledono gravemente alla loro salute, più che a quella degli adulti.

barletta contaminazioni

Mappa della città di Barletta (Credits: National Library of Medicine)

I risultati principali dimostrano che nelle aree di maggior ricaduta degli inquinanti prodotti dal cementificio, che ospitano case e scuole, c’è una maggiore concentrazione atmosferica di PM10 (polveri sottili) rispetto alle aree controllo, con livelli di esposizione superiori ai limiti annui indicati dall’Organizzazione Mondiale della Sanità – si legge nel report. – I bambini maggiormente esposti alle emissioni dell’impianto hanno un maggiore bio-accumulo di Nickel, Cadmio, Mercurio e Arsenico rispetto a chi è invece prevalentemente esposto al solo inquinamento da traffico veicolare. Un modello differente di bio-accumulo è rilevabile nei bambini prevalentemente esposti a traffico veicolare (bio-accumulo di Bario).

barletta contaminazioni

Credits: National Library of Medicine

Medici e ambientalisti richiedono l’intervento urgente della politica nella protezione della salute, con norme più restrittive per l’uso dei combustibili fossili, la limitazione di rifiuti ricchi di metalli pesanti – ma i tempi di intervento si prevedono ancora lunghi: i dati raccolti devono essere analizzati e vagliati dall’ASL che procederà a tutti gli approfondimenti del caso prima di mettere in atto delle misure tutelative.

QUI è possibile leggere il report completo.

Fonte: National Library of Medicine

Seguici su TelegramInstagram  |Facebook |TikTok |Youtube

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Ho 25 anni e sono laureata in Lingue Straniere. Sono da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile. Tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook