A 4 anni viene lasciato solo lui senza regalo di Natale perché ‘cattivo’. Provvedimento disciplinare per le maestre

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

In una scuola dell’infanzia della Versilia, il 23 dicembre, le maestre hanno distribuito a tutti i bambini dei simpatici regali natalizi, eccetto a uno di loro. L’alunno, di soli 4 anni, è stato privato del dono perché ritenuto troppo indisciplinato. E così, mentre tutti i suoi compagni scartavano i regali, si è ritrovato a guardarli in lacrime. E a uscire da scuola a mani vuote, triste e mortificato.

La madre, venendo a sapere dell’accaduto, ha denunciato le maestre, dichiarando che il figlio ci è rimasto malissimo. Ha quindi condiviso lo sfogo sui social, divenuto immediatamente virale.

Secondo quanto riporta Il Tirreno, ha contattato anche la Preside, che si è scusata e ha chiesto di incontrarla. Nel frattempo è stato avviato un provvedimento disciplinare contro le maestre.

A quanto pare queste ultime, al momento del ritiro del bambino da scuola, hanno riferito alla madre che per lui “Babbo Natale non era passato“. Il motivo? Si era comportato male dimostrandosi troppo agitato e turbolento. Meritava quindi una punizione. Il regalo, se si fosse comportato bene, glielo avrebbero dato a gennaio.

La madre, arrabbiatissima, ha deciso di trasferire il figlio in un’altra scuola, scioccata da questa punizione pseudo-educativa ingiusta e crudele, che ha definito come una vera e propria violenza.

FONTE: Il Tirreno

Ti potrebbe interessare anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze dei Beni Culturali, redattrice web dal 2008 e illustratrice dal 2018, ha pubblicato per Giochidimagia Editore "Il sogno attraverso il tempo". Con SpiceLapis ha realizzato "Memento Mori, guida illustrata ai cimiteri più bizzarri del mondo".
ECS

Ripartire in green: come alberghi e strutture ricettive possono rilanciarsi investendo sul turismo verde

ABenergie

Come scegliere e valutare il tuo gestore di energia luce e gas. Scarica la guida

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook