Questo bimbo ha donato tutta la paghetta per salvare gli alberi delle sue montagne

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Fa il giro del web la lettera del piccolo Achille, che ha donato 5 euro per rinfoltire i boschi bellunesi distrutti dal maltempo

Ha le idee molto chiare e un cuore grosso così: a 9 anni Achille ha dimostrato di essere capace di vivere le sue emozioni e farne dono a chi ne ha bisogno. Commuovendo tutti.

Achille Marigo ha infatti inviato 5 euro dei suoi risparmi al sindaco di Rocca Pietore, il Comune epicentro delle alluvioni dei giorni scorsi, perché “vorrei rivedere montagne con i boschi”, come dice nella sua letterina che ha spopolato su Facebook.

Questa la dice lunga su quante volte non ci accorgiamo del male che stiamo facendo anche a loro, ai nostri piccoli che vedono la Terra sulla quale vivono ogni giorno stravolta dalla nostra noncuranza.

Achille è amante dei boschi, adora andare a funghi con il nonno, riconoscere alberi e animali. È per questo che, quando nei giorni scorsi ha visto la strage di piante abbattute dal maltempo in provincia di Belluno, non ha esitato un momento a dare il suo aiuto.

Ha scritto poche righe e poi ha incollato una banconota da 5 euro sullo stesso foglio, inviando il tutto al sindaco, Andrea De Bernardin:

Sono Achille Marigo, ho nove anni. Mi piace molto andare in montagna, e siccome mi dispiace per quello che è accaduto, vorrei rivedere montagne con i boschi perché da grande mi piacerebbe entrare nel Corpo Forestale. Vi dono un aiuto con i miei risparmi”.

lettera bambino 1

Appena ricevuta, il Comune ha protocollato la letterina e il sindaco l’ha pubblicata sulla pagina Facebook, Progetto Rocca Pietore.

Con un appello: aiutateci a trovare questo bambino. Nel giro di poche ore migliaia di visualizzazioni e la mamma che parla per lui: “È un bambino che aiuta chiunque, delle volte dà i suoi soldini a qualche compagno che ne ha bisogno, a volte alla sua sorella maggiore che ha 18 anni. Quando mi ha dato la letterina era orgoglioso di quel gesto, si è raccomandato che l’avessi spedita e ha continuato a seguire le notizie dalle valli del disastro. Ha sempre detto fin da piccolissimo che da grande vuole fare la guardia forestale, vedremo. Certo è che la montagna è per lui una passione grandissima. Abbiamo una casa a Nevegal, nel Bellunese, e ogni volta che ci andiamo lui è un bambino felice”.

Germana Carillo

Foto cover

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Quercetti

Questi giocattoli sono riciclabili e organici: stimolano la fantasia e insegnano a rispettare l’ambiente

Schär

Quando il senza glutine incontra il biologico: nasce la linea Schär BIO

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook