Bambini: stress e inquinamento li rende più ansiosi e aggressivi

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Mamme stressate durante la gravidanza e inquinamento atmosferico hanno conseguenze non solo sulla salute del nascituro, ma anche sul suo comportamento. Bambini più ansiosi, depressi e aggressivi anche per colpa dello smog e dello stress accumulati mentre erano nel grembo materno.

Lo hanno stabilito i ricercatori del Columbia Center for Children’s Environmental Health e dalla Mailman School of Public Health.

Lo studio, pubblicato sulla rivista Pediatrics, riferisce che l’incapacità di una madre di far fronte a situazioni di stress è collegata con tutta una serie di problemi comportamentali nei bimbi, tra cui ansia, depressione, problemi di attenzione e comportamento aggressivo. Ma gli effetti erano maggiori tra i bambini con livelli più elevati di esposizione prenatale agli idrocarburi policiclici aromatici (Pah) dell’inquinamento atmosferico.

“Questo studio dimostra che la combinazione di fattori di stress fisico e psicologico durante lo sviluppo fetale amplifica l’effetto di ogni esposizione. I risultati sono preoccupanti perché i problemi di attenzione, di ansia e di depressione che influenzano le relazioni tra pari, il rendimento scolastico e il futuro benessere dei bambini“, sottolinea l’autrice, Frederica Perera.

Lo studio è il primo a valutare l’interazione tra le sostanze inquinanti legate alla combustione presenti nell’aria respirata dalla madre durante la gravidanza e i problemi comportamentali nell’infanzia. Ma cosa sono i Pah? Si tratta di inquinanti atmosferici generati da fonti di combustione come veicoli a motore, le centrali elettriche a carbone, il riscaldamento residenziale e il fumo delle sigarette.

“Comprendere le interazioni tra l’ambiente sociale e fisico aiuterà a spiegare le disparità di salute per intraprendere interventi atti a prevenire i problemi di sviluppo nei bambini. I risultati supportano gli interventi politici per ridurre l’esposizione all’inquinamento atmosferico nelle aree urbane, così come i programmi di screening per le donne all’inizio della gravidanza, al fine di identificare chi ha bisogno di sostegno psicologico o materiale”, conclude la ricercatrice.

Roberta Ragni

LEGGI anche:

Autismo: il rischio aumenta con smog e inquinamento

Dermatite atopica: aumenta nei bimbi. Smog e inquinamento sotto accusa

Inquinamento e interferenti endocrini: in Italia 8 bambini su 10 nascono già contaminati

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook