Addio Marzia, bimba di Taranto morta per un tumore. Continua la strage degli innocenti

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Un tumore al cervello l’ha strappata dalle braccia dei genitori a soli 5 anni. È Maria Rebuzzi l’ennesima vittima originaria di Taranto.

La bambina era ricoverata all’ospedale Bambin Gesù di Roma a causa della malattia ma purtroppo non ce l’ha fatta. La piccola era la nipotina di Aurelio Rebuzzi, padre del 16enne anch’esso morto nel 2012 a causa dell fibrosi cistica.

Per l’associazione Genitori Tarantini – Ets, la malattia di Marzia era connessa all’inquinamento industriale di Taranto. Si tratta infatti di un’altra piccola vittima dei veleni che circolano nella città, a causa dei quali sono morte numerose persone innocenti, sopratutto bambini.

“Oggi è volata in cielo MARZIA REBUZZI, 5 anni … ennesima innocente esistenza immolata all’acciaio ed alle perverse e ‘strategiche’ logiche del profitto! Basta! Basta! La città è in lutto. Questa terra martoriata ed insultata è in lutto!” si legge in un post dell’associazione su Facebook. “Taranto non ce la fa più: non ha più lacrime, non ha più tempo da dedicare alla paura ed al dolore. Tutto ciò sta diventando drammaticamente normale e questo pedaggio in carne e sangue innocente che si paga ogni giorno è il tributo a ragioni, ad interessi, a speculazioni che siamo stanchi di subire e di comprendere oltremodo. Mettiamo ai nostri balconi, alle nostre finestre, un drappo nero in segno di lutto. Copriamo la città di drappi neri, continuiamo a manifestare urlando con tutta la nostra forza il nostro dolore e la nostra disperazione! Incontriamoci ancora e ancora e ancora per unire in una unica voce il nostro grido di libertà e dignità! TARANTO LIBERA!!!”

Purtroppo, nonostante le numerose proteste, la situazione a Taranto sembra tutt’altro che risolta, nonostante l’ingresso e le promesse di ArcelorMittal. Secondo le analisi di Peacelink e i dati delle centraline dell’Arpa Puglia, rispetto allo stesso periodo del 2018, a gennaio e febbraio c’è stato addirittura un aumento delle emissioni, sopratutto degli idrocarburi policiclici aromatici (Ipa) che hanno subito un impennata del 195%. Fa paura anche la concentrazione di benzene salita del 160%.

Intanto a Taranto tanti, troppi genitori continuano a versare lacrime che forse si potrebbero evitare…

LEGGI anche:

Francesca Mancuso

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook