Arsenico nella crema di riso per bambini: richiamata popolare marca negli Usa

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Cereali per neonati, i test hanno rilevato livelli elevati di arsenico in quelli al riso venduti negli Usa

La Food and Drug Administration ha annunciato un richiamo volontario di una crema di riso per bambini, dopo che lo Stato dell’Alaska ha scoperto campioni che contenevano livelli di arsenico  superiori a 100 parti per miliardo, superando il livello consentito per questo tipo di prodotti.

La società che li produceva, la Beech-Nut, ha anche annunciato l’uscita dal mercato dei cereali di riso per l’infanzia perché “preoccupata per la capacità di ottenere costantemente farina di riso con livelli di arsenico ben al di sotto del livello di guida della FDA”.

L’Environmental Working Group plaude a questa azione per proteggere i bambini dalle esposizioni tossiche, ma sta anche esortando la FDA ad accelerare i suoi piani per fissare limiti per l’arsenico in tutti gli alimenti per neonati e bambini, non solo nelle creme di riso per neonati.

“L’azione di oggi dimostra la necessità di norme applicabili per i metalli tossici in tutti gli alimenti per l’infanzia, non solo nei cereali di riso per l’infanzia”, ​​ha affermato  Scott Faber , vicepresidente senior per gli affari governativi di EWG.

La FDA e l’Organizzazione Mondiale della Sanità affermano che anche bassi livelli di esposizione a metalli pesanti come l’arsenico possono causare danni gravi e spesso irreversibili al cervello dei bambini.

Diverse marche di alimenti per bambini ampiamente vendute sono state recentemente trovate contaminate da livelli pericolosi di metalli pesanti tossici, tra cui  arsenico, piombo, cadmio e mercurio , secondo un’indagine di una sottocommissione della Casa Bianca.

I genitori dovrebbero evitare di acquistare alimenti per bambini che contengono ingredienti ad alto contenuto di metalli pesanti tossici, come i prodotti a base di riso.  EWG raccomanda alle  persone di limitare la quantità di riso e di trovare alternative agli alimenti trasformati a base di riso.

Per fortuna, in Europa abbiamo invece un’attenzione maggiore al problema. L’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa) da anni sta prendendo in considerazione il problema dell’arsenico inorganico nel cibo e nell’acqua potabile e ha indicato il valore limite considerato sicuro per l’assunzione di arsenico inorganico: 0,3-8 microgrammi per chilo di peso corporeo al giorno.

Leggi qui e qui il parere dell’Efsa sull’arsenico negli alimenti.

Fonte: EWG, Beechnut

Leggi anche:

Arsenico nel riso: dovresti preoccuparti?

Come cucinare il riso per togliere l’arsenico

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook