Più animali ci sono in casa, meno i bambini rischiano allergie. La conferma

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Gli animali domestici non solo rendono più bella la nostra vita donandoci coccole e amore ma aiutano anche la nostra salute e quella dei più piccoli. Una nuova ricerca ha messo in luce come il contatto fin dalla prima infanzia con gli animali di casa riduce il rischio di sviluppare allergie. E più sono i nostri amici a 4 zampe e meglio è…

A confermare quanto già riportato in ricerche precedenti è stata questa volta una revisione di studi pubblicata su PLoS One, condotta da Bill Hesselmar dell’Università svedese di Göteborg.

Lo studioso ha voluto analizzare i dati di due ricerche. La prima aveva preso a campione 1029 bambini di 8-9 anni di età notando come l’incidenza di allergie era del 49% per i piccoli che non avevano animali domestici e del 43% per i bambini che avevano vissuto con un animale in casa. La vera sorpresa però era che la percentuale scendeva drasticamente al 24% nel caso i bambini nei primi anni di vita erano stati in contatto con 3 animali domestici. Addirittura vi erano 2 bambini che avevano vissuto fino ad un anno di vita con ben 5 animali e non avevano sviluppato alcun tipo di allergia.

Il secondo studio era arrivato più o meno agli stessi risultati analizzando la situazione di 249 bambini della stessa età della prima ricerca (8-9 anni). Quelli che non erano cresciuti a contatto con animali avevano sviluppato allergie nel 48% dei casi, per i piccoli che avevano invece un animale in casa la percentuale scendeva al 35% mentre chi aveva avuto la fortuna di stare insieme in casa con 2 o più animali vedeva il rischio dimezzato al 21%.

Hesselmar è convinto che i vantaggi del contatto con animali domestici nella prima infanzia sia dovuto al fatto che cani, gatti, ecc. sono portatori di microbi in grado di stimolare il sistema immunitario e scongiurare così il rischio di sviluppare allergie. Secondo lo studioso anche stare all’aria aperta e a contatto con altri bambini potrebbe garantire gli stessi benefici.

Niente più scuse dunque per adottare subito in casa un cane, un gatto o meglio ancora entrambi!

Leggi anche:

Francesca Biagioli

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook