Tutti i danni dell’alcol in gravidanza, ma il 50% delle donne continua a bere

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Alcol in gravidanza? Assolutamente vietato! Interferisce con lo sviluppo del feto e può creare problemi anche durante l’allattamento. Eppure, in barba alle raccomandazioni di medici ed esperti, sono ancora molte le donne che, anche quando sanno di aspettare un bambino, non smettono di bere.

La media in Italia si aggira addirittura intorno al 50% quella delle donne incinte che bevono almeno due bicchieri di alcol durante la gravidanza mentre in Europa si oscilla dal 6% della Svezia all’82% dell’Irlanda. Sono i dati snocciolati dall’Istituto superiore di Sanità (Iss), in occasione della Giornata mondiale di sensibilizzazione sulla Sindrome feto-alcolica e i disturbi correlati che si è svolta il 9 settembre scorso.

LEGGI anche: 10 CIBI DA EVITARE IN GRAVIDANZA

L’iniziativa è stata patrocinata dall’Iss di cui è Ambassador per la campagna “Too Young To Drink” insieme con il ministero della Salute e ha lo scopo di sottolineare il ruolo dei servizi sanitari nel fornire una corretta informazione e indicazioni per il trattamento, in linea con l’approccio della nuova pubblicazione dell’Oms Europa “Prevention of harm caused by alcohol exposure in pregnancy: rapid review and case studies from Member States” .

Le nostre stime ci dicono che in Italia il 50-60% delle donne in gravidanzaspiega Emanuele Scafato, direttore dell’Osservatorio nazionale alcol dell’Iss – continuano a bere, mantenendo le abitudini che avevano in precedenza. Poiché l’età media in cui le donne affrontano una gravidanza in Italia è tra i 30 e i 35 anni, abbiamo ricavato, sulla base dei tassi di consumi alcolici in quella fascia, che non bevono meno di due bicchieri, il doppio cioè di quello che dovrebbero evitar”. Da ciò deriva che 7 neonati su 100 subiscono l’esposizione all’alcol nel grembo materno.

I danni dell’alcol in gravidanza

Cosa fa l’alcol in stato di gravidanza? È capace di oltrepassare la placenta e fornire al feto una concentrazione di alcol identica a quella della gestante. A differenza, però, di un adulto, il feto non ha gli enzimi necessari a metabolizzare l’alcol per cui subisce danni a livello cerebrale e sui tessuti in via di sviluppo (può quindi causare malformazioni). Interferisce anche sullo sviluppo intellettivo generando ritardo mentale e deficit cognitivo ed è alla base di gravi carenze vitaminiche.

Le donne incinte che bevono in media 3 o più bicchieri incorrono, inoltre, con più frequenza nella possibilità di aborto. Oppure, il nascituro può nascere prematuro e in questo caso avere sintomi o disturbi definiti alcolici sino ad arrivare alla sindrome conclamata feto-alcolica, irreversibile e spesso progressiva.

LEGGI anche: CERCATE UNA GRAVIDANZA? NIENTE ALCOL PER I FUTURI PAPÀ

Ricordatevi, inoltre, che maggiore è il consumo e maggiore è il rischio ed è ovvio che sintomi, disturbi e sindrome feto-alcolica sono evitabili astenendosi totalmente dal bere nel corso della gravidanza. Più di 12 drink a settimana aumentano in maniera significativa il rischio di parto prematuro e di neonato sottopeso.

Purtroppo gli effetti sul bambino, una volta nato, non si vedono subito – conclude Scafato –, ma più avanti nell’età evolutiva, quando iniziano ad apparire evidenti alterazioni delle capacità cognitive e disturbi nella crescita. I genitori vedono che in attività normali i figli non sono reattivi come dovrebbero”.

E se la gravidanza l’avete programmata? Bene! Sappiate che gli organi vitali del feto, cuore, cervello e scheletro, si formano già durante i primi 10-15 giorni dopo il concepimento. Per cui, smettere di bere bevande alcoliche già dal momento in cui si decide di provare ad avere un figlio (e deve farlo anche il futuro papà!) rappresenta una fondamentale misura protettiva per il bambino.

Germana Carillo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook