Ecco perché non si dovrebbe mai dare acqua ai neonati prima dei sei mesi       

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

I bambini di età inferiore ai sei mesi non dovrebbero mai bere acqua, nemmeno quando fa caldo, perché potrebbero avere anche conseguenze fatali

Mai acqua ai neonati! Nel primo anno di vita, ma soprattutto nei primi sei mesi, infatti, i bebè non dovrebbero mai berla, pena complicanze ai reni. Mentre gli adulti sono costituiti dal 55-60% di acqua, il bambino ne ha in media circa il 75%. Ciò significa che anche la più piccola quantità di acqua influirebbe sull’equilibrio già delicato nel corpo di un bambino.

Anche una minima quantità d’acqua, insomma, può sovraccaricare i reni, portando nei casi più estremi a una condizione pericolosa chiamata iponatremia (troppa acqua che diluisce i livelli di sodio del corpo).

Lo dicono praticamente da sempre i pediatri e lo confermano ora alcuni studi che si incentrano su un dato: tra le altre cose, anche i reni dei bebè sono ancora troppo immaturi, per questo l’acqua può causare intossicazione a causa di uno squilibrio di elettroliti come il sodio.

In parole povere, i reni dei neonati non hanno ancora raggiunto una maturità tale da poter metabolizzare il sodio.

Un video di Tech Insider (SOTTO) spiega chiaramente i rischi dei neonati che consumano anche la più piccola quantità di acqua. Questo può causare complicazioni come gonfiore del cervello, convulsioni e, in casi estremi, la morte.

E non solo: dare acqua ai bambini può anche influire sulla loro nutrizione e sulla loro capacità di ricevere nutrimento adeguato, a causa del livello di sazietà che subito si percepisce, oltre a metterli a rischio di diarrea (l’acqua potrebbe non essere pulita e causare infezioni).

Niente acqua ai bimbi al di sotto dei sei mesi, dunque, e nemmeno se fuori fa molto caldo. Se il bambino è allattato al seno in modo esclusivo, già il latte di mamma sarà capace di soddisfare ogni esigenza di fame o sete del piccolo. Ma anche quello in formula, che è composto per oltre il 95% da acqua. In genere, comunque, quando si allatta si dà al bambino già tutta l’acqua di cui ha bisogno, fornendo al contempo “acqua sicura” e proteggendo il bambino.

Da quando si può cominciare a offrire acqua ai bambini? Secondo le raccomandazioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, dai sei mesi compiuti, quando si inizia a introdurre le pappe insieme al latte materno.

Leggi anche

Germana Carillo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook