svezzamento

Il periodo dello svezzamento è, come le mamme di certo sanno, un periodo molto delicato e spesso impegnativo. La delicatezza e l'impegno non sono dovuti, per quanto lo si possa pensare, solamente al passaggio dal latte (materno oppure artificiale) al cibo "normale".

Infatti, ci sono ben altre componenti che rendono questa fase delicata e degna di tutte le attenzioni.

In realtà, il bambino, così come l'uomo adulto, non ha solo l'esigenza di nutrimento fisico, ma, essendo un insieme inscindibile di mente, corpo e anima, richiede un nutrimento specifico per tutte queste sfere che lo compongono.

Così lo svezzamento non coinvolge soltanto l'aspetto del cibo fisico, bensì anche quello della mente e dell'anima. Vediamo come.

La mente

Il bambino così piccolo, non ha ancora naturalmente una mente razionale sviluppata, ma gli adulti che si occupano di lui e che occupano l'ambiente in cui lui vive, sì. Quindi, proprio in questo momento in cui il bambino inizia per la prima volta ad aprirsi al mondo, al nuovo, accettando che anche altri, oltre la propria madre, entrino in contatto con lui, è importante che i pensieri altrui e l'ambiente energetico circostante siano il più possibile puri ed elevati. In questo modo la sua infinita sensibilità non viene influenzata.

Il corpo

Qui rientra a pieno titolo il discorso dell'alimentazione di cui ti scriverò tra poco. Oltre all'alimentazione, non possiamo trascurare il fatto che in questo periodo il bambino inizia ad avere i suoi primi contatti consapevoli con l'esterno (soprattutto dai 9 mesi), a gattonare e poi a camminare (all'incirca dall'anno).

Un buon svezzamento da questo punto di vista prevede la protezione e il sostegno da parte della mamma, molto presente (per non mettere il bambino in pericolo) ma allo stesso tempo non invasiva (per consentirgli di fare le prime scoperte, le prime esperienze, di conoscere il mondo e di sperimentare il suo rapporto con esso).

L'anima

Questo è in verità un aspetto così importante, tanto da riuscire addirittura ad influenzare gli altri due. L'anima è la custode dei talenti e del progetto di vita di tuo figlio. Per darle onore sii presente, accogli tutti i suoi bisogni, aiutalo ad esprimere i sentimenti, non giudicarlo.

Sii come il buon contadino è con le sue piante: dai il massimo per garantire un terreno fertile, una crescita "secondo natura", e per il resto abbi fede, aspetta e lascia che la Vita faccia il suo corso.

In questa occasione voglio approfondire con te in particolare il tema dello svezzamento dal punto di vista dell'alimentazione. Ci sono tre grandi punti su cui ogni mamma può porre l'attenzione:

Il distacco dal seno materno

Accompagnalo dolcemente durante il distacco dal seno materno. Il distacco dal seno non può mai avvenire a partire da una decisione razionale della mamma, né dal sentito dire, né da alcuna influenza esterna.

Il distacco deve essere lento e graduale (progressivamente definitivo a partire da circa il 9 mese, mai prima) e deve seguire il sentire della mamma e quello del bambino: se entrambi non sono pronti, se non c'è da parte di entrambi maturità affettiva da questo punto di vista, l'eliminazione repentina del contatto intimo con il seno potrebbe portare a scompensi affettivi nella relazione, che produrrebbero carenze dal punto di vista emotive in futuro.

Un distacco armonico può avvenire seguendo il naturale bisogno del bambino di "autonomizzarsi" affettivamente e anche fisicamente dalla propria mamma per iniziare a scoprire l'esterno.

A proposito, ti ricordo che il cucciolo d'uomo, così come gli altri mammiferi, non ha bisogno che il latte materno, lentamente sospeso, venga sostituito con latte di mucca o altri tipi di latte, né per la colazione (vanno benissimo i frullati di frutta), né tanto meno come "rimedio sedativo e consolatorio" prima della nanna. Quanto detto, vale anche per i bambini non allattati al seno, che hanno ricevuto il nutrimento tramite il biberon di latte artificiale.

Sostienilo mentre fa amicizia con il cucchiaino

Questo è un aspetto molto significativo che è bene non passi inosservato. Tuo figlio ha conosciuto per almeno i primi 5 mesi circa della sua esistenza, esclusivamente la morbidezza e il calore del tuo capezzolo, ed ecco che si trova a ricevere un altro tipo di alimento, dal colore, sapore e consistenza diversi, per mezzo di uno "strumento" piuttosto duro e freddo: infondigli fiducia, rispettalo, dagli il tempo necessario, sostienilo con tutto il tuo amore. Se ti sente serena e si fida di te, si fiderà anche di quanto tu gli proponi e lo accetterà di buon grado.

Prediligi alimenti vivi, vitali e naturali

"L'uomo è ciò che mangia", se il cibo che doni a tuo figlio è fresco, pieno di energia, naturale, anche lui potrà crescere all'insegna del benessere e della vitalità.

In particolare:

- dal 5°/6° mese puoi iniziare a inserire la frutta frullata, per esempio durante il pomeriggio, per "merenda". Il suo gusto dolce è simile al latte e renderà più apprezzabile anche il cucchiaino.

- dopo circa 15-20 giorni puoi iniziare ad introdurre la verdura passata (magari quella più dolce come la carota o le barbabietole rosse) a pranzo, insieme alle prime farine di cereali

Tuo figlio riceve comunque tutti i nutrienti già dalla frutta e dalla verdura cruda (oltre agli enzimi autodigestivi, agli amminoacidi per la produzione delle proteine, ai sali minerali, ecc..), a cui si aggiunge l'energia dell'amore con cui tu le prepari. Quindi non c'è fretta per l'introduzione di tutto il resto. Comunque:

- puoi inserire i legumi intorno al 6°/7°mese

Se non prevedi il fruttarianesimo, il veganesimo o il vegetarianesimo per tuo figlio, ti consiglio comunque di non introdurre carne e pesce prima dell'anno. Tuo figlio deve già essere autonomo nel masticarli, anche se anatomicamente l'uomo non è stato creato dalla natura per assimilare la carne senza effetti nocivi.

- I latticini non apportano nutrimento, non introducono calcio assimilabile a causa della pastorizzazione, ma solo muco che favorisce l'insorgere di malattie come otiti, allergie, raffreddore, ecc..

- Dissetalo soltanto con acqua. Evita succhi e bevande zuccherate. Puoi eventualmente ricorrere alle tisane, qualora servano per un caso specifico e circoscritto nel tempo: per esempio la melissa in caso di tensione nervosa, mal di pancia, coliche.

- Evita il più possibile l'utilizzo del sale. In verità non ne abbiamo bisogno: la frutta e la verdura fresche sono ricche di sali minerali e sono già di per sé molto gustose. Il sale altera precocemente il senso del gusto e con il tempo può causare, come sappiamo, problemi cardio-circolatori e di ipertensione precoce. È inoltre caustico e brucia i tessuti del corpo richiamando acqua (per questo abbiamo sete quando ne mangiamo tanto).

- Abitualo a familiarizzare con tutti i colori, tutti i gusti e tutte le consistenze. Il mondo non è in bianco e nero, è pieno di vita e di fragranze: il cibo è per tuo figlio un ottimo modo per conoscere tutte le diversità e per apprezzare il "gusto della vita". Se l'adulto di riferimento li apprezza tutti, anche lui farà altrettanto. Quando i bambini non amano la frutta o la verdura, per esempio, in molti casi le stesse non piacciono neppure a mamma e papà. Se tu per primo non ami i cibi semplici e naturali, come può farlo tuo figlio?

- Non mescolare troppi cibi insieme: assaporando un gusto alla volta, potrà meglio abituarsi a gradirli e sarà agevolato nello sviluppo completo del senso del gusto.

- Non unire i cereali e i legumi alla frutta. La frutta, ad eccezione della mela e dell'ananas, fermenta se abbinata con il cibo cotto, causando problemi alla digestione e all'assimilazione dei nutrienti.

- Evita sempre fin da subito lo zucchero bianco, un vero e proprio veleno per il corpo. Se hai proprio necessità di dolcificare puoi scegliere per esempio il miele, il malto o la stevia rebaudiana.

Questi sono solo alcuni semplici consigli che di certo non esauriscono quanto si potrebbe dire sull'argomento.

Il messaggio che voglio lasciarti oggi è: considera il tuo bambino un'unità di mente, corpo e anima. Se lo svezzamento avviene in maniera armonica e completa sotto tutti e tre gli aspetti, allora è inevitabile che questa fase trascorra con serenità, gioia, e che diventi un'occasione di crescita e di comprensione non soltanto per tuo figlio, ma anche per te.

Roberta Cavallo

www.bimbiveri.it

Roberta Cavallo è una scrittrice, formatrice, naturopata specializzata nell'infanzia, consulente genitoriale. Docente di tecniche di rilassamento, mandala e interpretazione del disegno dei bambini. Negli ultimi cinque anni ha gestito un centro residenziale con bambini in affido famigliare collaborando con i servizi sociali. Ha condotto Corsi presso Scuole Medie Statali, Corsi residenziali per adolescenti e bambini e Master di Naturopatia Pediatrica per infermiere, ostetriche, insegnanti e genitori. Riceve negli studi di Torino e Asti.

Leggi anche:

- Svezzamento: 10 motivi per preparare in casa omogeneizzati e pappe per bambini

geronimo stilton

Trocathlon

Torna il mercatino dell'usato di Decathlon che fa bene all'ambiente e al portafogli

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram