madwa

Mi chiamavo Mawda, avevo 2 anni e la polizia belga mi ha sparato in faccia.

Hanno aperto il fuoco su un furgone che trasportava me, mia mamma, mio papà e il mio fratellino, insieme ad altri migranti. 

Le autorità inizialmente hanno negato la vera causa della mia morte, suggerendo invece che ero malata o che la colpa era della guida pericolosa.

Eravamo su un'autostrada vicino alla città di Mons. Alla guida c'erano i trafficanti di esseri umani, che stavano cercando di portarci di contrabbando nel Regno Unito.

Eravamo fuggiti dal Kurdistan iracheno e da poco eravamo stati deportati dalle autorità di Bruxelles in Germania. 

Così, stavamo scappando. Ancora. 

Ma la polizia ci ha visto, il trafficante non si è fermato e i poliziotti hanno aperto il fuoco. 

Così un proiettile mi ha ucciso, colpendomi la guancia (lo dice anche l'autopsia). 

madwa

Foto

La mamma mi diceva che sarebbe andato tutto bene. Che avremmo ricominciato una nuova vita, senza fame, senza bombe, senza guerra. 

Ma si sbagliava. 

madwa1

Foto

Questa è la mia storia. Mi chiamavo Mawda, avevo 2 anni e la polizia belga mi ha sparato in faccia.

Chiedevo solo di vivere. Ma è stato impossibile. Perché la guerra non è solo lì fuori. È anche in molti cuori.

Roberta Ragni

Foto cover

monge

Monge

20 cose che il tuo cane e gatto non dovrebbero mai mangiare

plt energy

PLT puregreen

I vantaggi di scegliere un operatore di energia da fonti rinnovabili

sai cosa compri
dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
seguici su facebook
manifesto
banner calendario
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram