microbioma-neonati

Parto cesareo, latte formulato e antibiotici riducono la biodiversità della flora batterica intestinale dei neonati

Come è ormai noto, l’intestino è popolato dalla flora batterica conosciuta anche come microbiota. L'equilibrio di questi microrganismi è fondamentale per la nostra salute. Un recente studio ha scoperto come alcuni fattori come il taglio cesareo, l’utilizzo di latte artificiale e gli antibiotici riducano la biodiversità del microbiota intestinale nel primo anno di vita con un maggior rischio di sviluppare alcune problematiche.

Ad arrivare a questa conclusione è stato un team di ricerca canadese che ha pubblicato i suoi risultati sulla rivista Frontiers in Pediatrics. Lo studio è stato realizzato prendendo a campione 166 neonati tutti nati a termine ma alcuni con parto naturale altri con taglio cesareo.

I neonati coinvolti e seguiti per tutto il primo anno di vita sono stati divisi in più gruppi a seconda del modo in cui erano nati (parto naturale o cesareo), del tipo di nutrizione (allattamento al seno o latte formulato) e se fossero stati utilizzati antibiotici o meno durante la gravidanza della mamma o direttamente somministrati al neonato nei primi 3 mesi di vita.

Per valutare la situazione della flora batterica intestinale sono stati raccolti campioni fecali a 3 mesi e a 1 anno grazie ai quali è stato possibile analizzare i cambiamenti nel microbiota dei piccoli. 

Si è visto così che la composizione della flora intestinale per tutto il primo anno di vita è particolarmente influenzata da alcune situazioni e fattori esterni. Sarebbero in particolare il parto cesareo, l’esposizione agli antibiotici e l’uso di latte formulato a ritardare la maturazione di alcune specie di batteri buoni che si trovano all’interno dell’intestino.

Nello specifico i bambini nati da cesareo o che hanno assunto direttamente o indirettamente antibiotici avevano un decremento di Proteobacteria rallentato a 3 mesi rispetto agli altri bambini. Nutrizione artificiale e antibiotici influenzano anche il genere Enterobacteriaceae.

I bambini nati con parto naturale, allattati al seno e che non sono stati esposti ad antibiotici mostrano un incremento di specie come Vellonella, Roseburia e Fusobacterium.

Ma questi dati (che sono solo una parte del copioso studio), difficili da interpretare, cosa significano concretamente? Un maggior rischio futuro per i bambini nati da cesareo, allattati artificialmente o esposti ad antibiotici, di sviluppare disturbi metabolici e immunitari ma soprattutto di trovarsi alle prese con intolleranze e allergie alimentari o problemi di obesità.

Sul microbiota intestinale potrebbe interessarti anche:

È evidente che questa ricerca va approfondita, c’è da considerare infatti che il campione analizzato è troppo piccolo e localizzato in una ristretta area geografica per poter essere davvero esaustivo. C’è bisogno dunque di altri approfondimenti per capire meglio come si forma e modifica il microbiota intestinale nel primo anno di vita e quali fattori sono in grado di influenzarlo positivamente o negativamente.

Francesca Biagioli

monge

Monge

20 cose che il tuo cane e gatto non dovrebbero mai mangiare

plt energy

PLT puregreen

I vantaggi di scegliere un operatore di energia da fonti rinnovabili

sai cosa compri
dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
seguici su facebook
manifesto
banner calendario
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram