bambini matematica

Qual è il modo migliore per aiutare i bambini ad avere successo in matematica? Questa materia, temuta e a volte odiata da molti, può essere appresa anche giocando e i bambini che lo fanno imparano con più facilità.

A rivelarlo è un nuovo studio, condotto dai ricercatori dell'Università di Harvard, dell'Università di New York e del MIT, secondo i quali alcune attività prescolari possono aiutare i bambini a sviluppare competenze cognitive.

Lo studio, basato su un esperimento condotto a Delhi, in India, ha impegnato i bambini in età prescolare, ossia fino ai 5 anni, in una serie di giochi di matematica per aiutarli a cogliere con maggiore facilità i concetti di numero e la geometria. Si trattava anche di giochi “sociali”che permettessero l'interazione tra i bambini, aiutandoli a collaborare e ad imparare insieme: attività come leggere i numeri sulle carte e ordinarle in ordine basta a favorire la conoscenza dell'aritmetica e della geometria nei bambini.

I risultati hanno rivelato che gli interventi formativi nella prima infanzia possono aiutare i bambini più poveri ad avere accesso agli stessi concetti educativi dei bambini economicamente più privilegiati.

Spelke, esperto nello sviluppo cognitivo, spiega che a circa 5 anni i bambini “passano dalla conoscenza in senso comune, spontanea, a quella scolastica, dove devono confrontarsi con abilità e temi formali, più teorici.

Si tratta di una transizione che può risultare molto impegnativa per i bambini che vivono in povertà, i cui genitori non hanno avuto alcuna scolarità.

Per andare a fondo al problema, i ricercatori hanno sviluppato un esperimento su campo che ha coinvolto 1.540 bambini, con un'età media di 5 anni e iscritti in 214 scuole indiane.

immagine

A un terzo dei bambini sono stati somministrati dei giochi matematici in gruppi, esponendoli ai concetti di numero e geometria. Uno di questi consisteva nel far contare ai piccoli i numeri presenti sulle carte da gioco e ordinarle in base alle cifre.

Altri bambini hanno effettuato dei giochi basati sui contenuti sociali, in cui venivano incoraggiati ad esempio a stimare l'intensità delle espressioni emotive sulle carte e a ordinare le carte sulla base delle emozioni. Tutte attività semplici e divertenti.

Il terzo gruppo di bambini non ha svolto nessun gioco ma è stato utilizzato come gruppo di controllo.

I ricercatori hanno seguito le abilità dei bambini di tutti e tre i gruppi, subito dopo l'intervento, e anche 6 e 12 mesi dopo. Hanno scoperto che anche dopo il primo anno di scuola elementare, i bambini del primo gruppo, che avevano svolto i giochi di matematica, padroneggiavano meglio le competenze per le quali i giochi erano stati pensati, rispetto ai bambini degli altri gruppi.

Non solo. I bambini che avevano svolto i giochi sociali non avevano tratto benefici sulle abilità matematiche visto che gli effetti dei giochi erano specifici per il loro contenuto di matematica.

Secondo i ricercatori, i giochi matematici avevano prodotto competenze persistenti nelle abilità matematiche dei bambini.

“È chiaro che si ha un miglioramento significativo delle competenze matematiche utilizzate nei giochi”, dice Esther Duflo, co-autore dello studio per il MIT.

LEGGI anche:

Anche Maria Montessori lo sosteneva, per questo aveva messo a punto dei metodi per aiutare i bambini ad imparare la matematica, a contare e ad eseguire le operazioni di addizione e sottrazione, divisione e moltiplicazione. Tutte soluzioni che stimolano la capacità logica grazie al gioco.

Francesca Mancuso

geronimo stilton

Trocathlon

Torna il mercatino dell'usato di Decathlon che fa bene all'ambiente e al portafogli

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram