pianto dei neonati

Quali sono i neonati che piangono di più? A dominare la classifica mondiale sono i canadesi. Ma anche i piccoli italiani non scherzano: sono infatti al terzo posto, al secondo troviamo gli inglesi.

A stabilirlo è stato un nuovo studio condotto dagli scienziati dell'Università di Warwick che hanno considerato circa 30 ricerche durante le quali i genitori hanno monitorato il pianto dei neonati ogni giorno nei primi mesi di vita. Il professor Dieter Wolke ha analizzato degli studi che hanno coinvolto 8.700 bambini tra i vari paesi, tra cui Germania, Danimarca, Giappone, Canada, Italia, Paesi Bassi e Regno Unito.

È emerso che durante le prime sei settimane, i neonati in media piangono tra i 117 e i 133 minuti al giorno, circa due ore. Col passare delle settimane, questa cifra scende fino ad arrivare a 68 minuti tra le 10 e le 12 settimane.

Ma chi sono i piccoli che piangono di più?

I più frignoni sono i canadesi, britannici, italiani e olandesi. Al contrario Danimarca, Germania e Giappone hanno fatto registrare la presenza dei più bassi livelli di pianto.

Secondo il dottor Wolke, il 34,1 per cento dei bambini canadesi fino alle 9 settimane di vita piange per più di tre ore al giorno almeno per tre giorni alla settimana. Nel Regno Unito la cifra è del 28% mentre in Italia è del 20,9.

Al contrario solo il 5,5 per cento dei bambini danesi piange per più di tre ore al giorno, e solo il 6,7 per cento dei bambini tedeschi.

LEGGI anche: BABYWEARING: 10 VANTAGGI DEL PORTARE I BAMBINI IN FASCIA

Generalizzando, secondo i ricercatori in parte potrebbe dipendere dai genitori: quelli danesi sono più rilassati e rispondono meno velocemente al pianto dei neonati, incoraggiando il bambino a calmarsi da solo. Un altro fattore potrebbe anche affondare le radici nella genetica delle differenti popolazioni. Lo stesso motivo per cui in alcuni paesi si tende ad essere più introversi e più tranquilli che in altri.

classificapianto

Non bisogna però ricondurre tutto ai genitori o alla “nazionalità”. Va innanzitutto precisato che nel corso dei primi tre mesi mamma e papà hanno meno influenza sulla durata del pianto di quello che pensano.

LEGGI anche: BABYWEARING: PORTARE I BIMBI IN FASCIA FA BENE (ANCHE AI GENITORI)

In ogni caso, un valido aiuto è fornito dal babywearing. Soprattutto nel corso dei primi mesi, i bambino sentono la necessità fisica di stare a contatto con la mamma, un bisogno primario importante quanto la fame e il sonno.

immagine

Ormai, grazie alla diffisione sempre più capillare del babywearing si tende a riconoscere questo bisogno dei neonati e a soddisfarlo. Il risultato? Neonati e genitori più sereni.

Francesca Mancuso

geronimo stilton

Trocathlon

Torna il mercatino dell'usato di Decathlon che fa bene all'ambiente e al portafogli

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram