culle finlandia usa

Le baby box, nate in Finlandia, conquistano anche gli Stati Uniti. Due stati, l'Ohio e il New Jersey le offrono gratuitamente ai neo genitori con uno scopo ben preciso: ridurre il numero delle morti in culla.

Un dono sempre più diffuso, la baby box. In Finlandia si tratta di una tradizione antica, che ha più di 80 anni. A ciascuno dei cittadini venuti al mondo infatti lo stato invia la scatola di cartone, che oltre ad essere utilizzata per far dormire i neonati, ha al suo interno ciò che serve per i primi mesi: materasso, lenzuola, piumino, cappello, tutine, libri, giocattoli per la dentizione e molto altro.

Un dono che ha in realtà lo scopo di ridurre le troppe morti in culla che in Ohio raggiungono le medie più alte.

LEGGI anche: LA BELLISSIMA TRADIZIONE DELLE SCATOLE DI CARTONE DONATE AI NEONATI IN FINLANDIA

“La ricerca ci dice che due dei fattori che contribuiscono di più alla morte in culla sono la nascita prematura e le modalità di sonno non sicure”, spiega Margaret Larkins-Pettigrew, medico della Case Western Reserve University School of Medicine.

Cos'è la sindrome della morte in culla (o sudden infant death syndrome – Sids)

Non si tratta di una patologia ma la definizione riguarda tutti i casi in cui un neonato muoia senza alcuna apparente motivazione (previa autopsia e analisi accurate dello stato di salute del bambino e delle circostanze della sua morte).

Alla base della Sids potrebbero esserci delle anomalie nell'ara del cervello che controlla i ritmi del sonno e della veglia. Si tratta di un'ipotesi ma anche se non si conosce ancora la causa precisa, vi sono una serie di fattori di rischio che ne possono aumentare significativamente le probabilità.

babybox1

Ecco i fattori di rischio indicati dall'Istituto Superiore di Sanità:

  • far dormire il bambino in posizione prona, ossia sulla pancia

  • far dormire il bambino su materassi, cuscini e piumini soffici e avvolgenti

  • esporre il feto e il neonato al fumo. Si parla addirittura di rischio doppio o triplo se si espone la donna in gravidanza o un neonato al fumo passivo

  • la giovanissima età della madre insieme all'assenza di un percorso di assistenza adeguata nel periodo pre e post natale

  • nascita prematura o basso peso alla nascita

  • presenza di infezioni respiratorie

Con queste accortezze, è possibile ridurre il rischio. Anche l'allattamento al seno fino ai sei mesi di vita è un valido aiuto contro la Sids.

LEGGI anche: ALLATTAMENTO AL SENO: TUTTI I VANTAGGI E I BENEFICI PER MAMMA E BAMBINO

LEGGI anche: ALLATTAMENTO AL SENO: LE REGOLE PER FARLO BENE E CON SERENITÀ

Perché la baby box potrebbe ridurre le morti in culla?

Sulla base dei fattori di rischio appena elencati, appare evidente che la scatola, opportunamente allestita, sia utile a ridurre il rischio di Sids. In primo luogo, le pareti sono dure e non c'è il rischio di soffocamento, grazie anche al materasso duro. Inoltre, il bambino non viene coperto.

Non sono chiacchiere. Secondo l'Oms, l'uso delle baby box ha fatto sì che in Finlandia il tasso di mortalità infantile della Finlandia sia passato da 65 decessi ogni 1.000 bambini nati nel 1938 a 1,3 nel 2013.

LEGGI anche: MAMME, LA FINLANDIA È IL MIGLIOR PAESE DOVE FARE FIGLI. L'ITALIA È ALL'11° POSTO

Francesca Mancuso

Foto

forest bathing sm

Trentino

I migliori itinerari da fare a piedi o in bici

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
banner orto giardino
whatsapp
seguici su instagram