Panino mensa scuola

Panino libero a scuola! Il tribunale di Torino ha respinto il ricorso del Ministero dell’Istruzione contro la decisione di un giudice che aveva riconosciuto di fatto alle famiglie il diritto di mandare i bambini a scuola portandosi il pasto da casa.

Il Tribunale di Torino - città che ha già conosciuto uno scandalo legato proprio alle mense - ha così dato il via libera alla libertà dei genitori di portare la famosa “schiscetta”, ovvero il pasto domestico all’interno dei locali scolastici adibiti a mensa nell’orario destinato alla refezione.

La battaglia giudiziaria era iniziata due anni fa, ma solo a giugno una sentenza della Corte d’appello aveva sancito la possibilità di consumare il panino solo per i figli di 58 genitori che avevano presentato ricorso. Adesso invece passa il principio che il diritto vale per tutti e quindi le scuole dovranno organizzarsi.

LEGGI anche: MENSE SCOLASTICHE, CIBO AMMUFFITO E CONTAMINATO SERVITO AI BAMBINI

La sentenza dice chiaramente che trattandosi di momento formativo, i bambini non posso essere isolati dai compagni. Infatti, si legge nella sentenza, il servizio di refezione scolastica è “servizio locale a domanda individuale che l’ente non ha l’obbligo di istituire ed organizzare ed è facoltativo per l’utente che può, quindi, scegliere di non avvalersene”.

Per il Presidente del Codacons, Marco Maria Donzelli si tratta di una “vittoria fondamentale per tutti i genitori con bambini che vanno in mensa scolastica. Il Codacons è anni che si batte affinché i bambini possano portarsi da casa il pranzo senza dover necessariamente mangiare il cibo propinato dalle mense scolastiche, con tutti i problemi del caso, più volte denunciati negli anni dall’Associazione. Adesso però è necessario che il Ministero dia disposizione a tutte le scuole italiane affinché sia possibile esercitare liberamente questa possibilità. Chiediamo che venga messo a disposizione una spazio apposito dove i bambini possano consumare il cibo portato da casa”.

Ora si attende che il Ministero dia disposizioni in tutte le scuole, ma ancora nessuna indicazione, né sono giunte direttive, mentre i dirigenti scolastici tacciono.

Certo è che l’ “effetto panino” si farà sentire eccome, soprattutto laddove le mense costano un po’ di più o le famiglie non sono esattamente contente della qualità. A Napoli, l’assessora alla Scuola e all’Istruzione, Annamaria Palmieri, ha convocato una commissione per diramare delle linee guida sugli aspetti sanitari, perché, diciamoci la verità, senza frigo e senza la corretta conservazione tutto può deteriorarsi e dar vita a una carica batterica pericolosa. A Campomorone, invece, in provincia di Genova, i bambini che consumano il cibo della mensa e quelli che hanno il pasto portato da casa mangiano in due locali diversi.

LEGGI anche: MENÙ VEGAN NELLE MENSE SCOLASTICHE: DA FEBBRAIO SARÀ DISPONIBILE A BOLOGNA

Insomma, l’effetto domino è pronto a farsi largo e un po’ di aria di tempesta c’è, non fosse altro che alle famiglie fa gola soprattutto non spendere tanti soldi in pasti che (sono quasi sempre sicuri) i propri figli non mangiano completamente. Eppure, se da un lato il “diritto al panino” è fondamentale, dall’altro sarebbe auspicabile anche un miglioramento di un servizio, quello delle mense scolastiche, che evidentemente perfetto non è. Secondo Coldiretti, un italiano su 5 non si fida delle mense. Per cui, forse, se ci fosse un cambiamento, una gestione impeccabile sempre e in ogni mensa di ogni angolo di Italia e, magari, una diversa ripartizione delle tariffe, il concetto “mensa” rimarrebbe quello che è (o vuole tentare di essere): un momento fondamentale per la socializzazione e per l’educazione a una corretta alimentazione.

Germana Carillo

 

maschera lavera 320

Lavera

Come preparare la pelle del viso all’estate in 5 mosse

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
21 giugno 300 x 90
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram