parchi germania 2

Castelli di legno, sabbia, alberi su cui arrampicarsi, prati sempre puliti, attrezzi funzionanti e in ottime condizioni. Le città tedesche sembrano organizzate per essere vissute non solo dagli adulti, ma anche dai più piccoli, con spazi verdi completamente dedicati a loro e al loro diritto di giocare, correre ed esplorare in piena libertà.

Prima di tutto, una premessa: quello che scrivo è frutto della mia esperienza personale di italiana residente in Germania. Un'esperienza ovviamente limitata. Ben vengano, quindi, commenti che raccontano situazioni o punti di vista differenti: non possono che ampliare le nostre conoscenze e arricchire la discussione.

Torniamo, quindi, alle mie impressioni. Quando sono arrivata in Germania, sono rimasta immediatamente colpita dalla quantità e qualità del verde pubblico e, soprattutto, dalla diffusione delle aree gioco dedicate ai più piccoli, generalmente pulite e ben organizzate, con giochi e attrezzi fruibili da parte di bambini di fasce di età diverse e sempre in buone condizioni, grazie ad una manutenzione costante.

Proprio all'inizio della mia esperienza qui, mi è capitato di imbattermi in un'addetta della società che gestisce il verde pubblico che stava testando personalmente gli attrezzi di un'area per bambini. Ricordo anche che ne ha smontato e portato via uno, probabilmente difettoso, che sarebbe tornato al suo posto, perfettamente funzionante, qualche giorno dopo. Scene come questa, ho scoperto poi, si verificano con una certa regolarità.

parchi germania 3

parchi germania 1

Parchi alberati e puliti, boschi a pochissimi chilometri dal centro città e altalene, vasche di sabbia e scivoli che fanno capolino un po' ovunque, sui lungofiume o davanti alle attrazioni turistiche... gli spazi dedicati al gioco e all'immersione nella natura sono numerosi e a portata di mano, comodamente raggiungibili a piedi, in autobus, in metropolitana o in bicicletta. Questa fruibilità è sintomo, secondo me, di un modo di concepire gli spazi cittadini che è anche a misura di bambino. Come dire: la città appartiene a tutti e deve essere vissuta da tutti.

Se si considera che la maggior parte delle persone vive in appartamenti e non ha a disposizione cortili o giardini, è chiaro che la disponibilità e diffusione delle aree gioco facilita (e non poco) il compito dei genitori, migliorando la qualità della vita dei più piccoli e rendendo quartieri, strade e piazze più belli e accoglienti. E persino una città anonima, se costellata di piccoli polmoni verdi e spazi colorati, può diventare qualcosa di più. Senza contare, poi, la frequenza con cui è possibile imbattersi in scoiattoli, merli, coniglietti, corvi, pettirossi, passeri...

parchi germania 8

parchi germania 11

parchi germania 6

Il contatto con la natura è anche alla base della “filosofia” seguita da genitori ed educatori tedeschi, che è piuttosto semplice e consiste grossomodo in questo: nel tempo libero, i bambini devono giocare, devono sporcarsi e, non importa se faccia caldo o freddo, se piova o se nevichi, devono stare il più possibile all’aria aperta. Adeguatamente vestiti, si intende.

Non a caso, il corredino di un bimbo in età prescolare comprende tutto il necessario per scorrazzare nei cortili, nei boschi e nei parchi in ogni stagione dell’anno: sgargianti tutine da pioggia, pantaloni da neve, stivali di gomma colorati, sciarpe, guantini imbottiti e impermeabili, cappelli e berretti per tutti i gusti e per tutti i climi.

Le scuole materne portano regolarmente i bambini a giocare nei parchi pubblici o nei boschi, spostandosi a piedi (i bambini più grandi camminano, mentre i più piccoli vengono trasportati su dei funzionali carretti), in autobus o in metropolitana. E, nel momento dello svago, i piccoli godono di una libertà pressoché assoluta, tanto da lasciare sbigottite noi mamme italiane, terrorizzate all’idea che possano farsi male e stupite nel vedere i nostri graziosi figlioletti trasformarsi in piccoli, inarrestabili selvaggi.

Li si vede correre a perdifiato, saltare nelle pozzanghere, arrampicarsi sugli alberi e in cima alle casette di legno delle aree gioco, rotolare per terra, fare ruote e capriole, dondolare a testa in giù e persino andare alla ricerca di folletti tra siepi e arbusti. E, d’estate, capita anche che qualche pargolo scorrazzi a piedi nudi, senza che ciò desti il minimo allarme o stupore negli adulti. D'altra parte, i parchi sono puliti e curati: i bambini possono fare i bambini ed essere spensierati, e i genitori sono più rilassati e più sereni che altrove.

parchi germania 5

parchi germania 10

Personalmente, sono convinta che, per un bambino, sia una vera fortuna poter crescere in un contesto che presta attenzione alle sue esigenze, favorendo l'immersione nella natura e considerando la libertà di correre, giocare ed esplorare un diritto, e non un privilegio. Senza contare che organizzare le città anche a misura di bambino significa sostenere genitori e famiglie, rendendo la loro missione educativa un po' meno ardua.

Foto e testi Lisa Vagnozzi

 

LEGGI anche

Addio numeri e lettere: i bambini imparano 'solo' a giocare e a essere felici in Finlandia

10 parchi italiani che vi faranno innamorare dell'autunno (FOTO)

banner guida pulizie

Scrittori di classe

Come iscrivere la tua scuola a "salvare il Pianeta”, il concorso di Conad e WWF

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
settimana riduzione rifiuti 2018
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram