iqbal bambini senza paura

Oggi, 20 novembre, ricorre la Giornata Mondiale dei Diritti dell’Infanzia, che celebra il 26esimo anniversario dell’approvazione della Convenzione dell’ONU sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza.

Tra i principi fondamentali per il rispetto dei diritti dell’infanzia troviamo l’ascolto delle opinioni del minore e il diritto alla sopravvivenza e allo sviluppo dei bambini. Purtroppo l’umanità dovrà lottare ancora molto per raggiungere questi traguardi. Infatti nel mondo esistono ancora esempi molto gravi dello sfruttamento dei minori.

Per sensibilizzare la popolazione su questa importante tematica, dal 19 novembre arriva nelle sale cinematografiche italiane il film di animazione “Iqbal: bambini senza paura”, realizzato dai registi Michel Fuzellier e Babak Payami, in collaborazione con l’Unicef.

Il film è ispirato alla storia vera di Iqbal Masih, bambino-operaio pakistano, figlio di genitori di religione cristiana, nato nel 1983 e morto nel 1995 a soli 12 anni, diventato in breve tempo un simbolo della lotta contro il lavoro infantile.

Nacque in una famiglia molto povera e a 4 anni fu venduto dal padre per pagare un debito di 12 dollari a un commerciante di tappeti. Iniziò dunque a lavorare in una fabbrica di tappeti per 10-12 ore al giorno. Il duro lavoro e la malnutrizione ostacolarono la sua crescita. Iqbal fu ucciso ingiustamente in una sparatoria.

Dopo la sua morte, il tema del lavoro minorile, soprattutto per quanto riguarda lo sfruttamento dei bambini nell'industria pakistana dei tappeti, ha ricevuto ancora maggior attenzione, rendendo Iqbal uno storico portavoce di tale causa.

Il film dedicato a Iqbal è stato proiettato per la prima volta nel corso della recente Festa del Cinema di Roma nella sezione "Alice nella Città": la tecnica utilizzata per la messa in scena è un originale mix di animazione 3D su scenografie disegnate, che genera affascinanti e suggestive prospettive, nelle inquadrature, nei tagli di luce e nei colori.

L'associaizone SOS Villaggi dei Bambini Onlus nella giornata di oggi ricorda che sono 60 milioni i migranti forzati, quasi 20 milioni i rifugiati. La metà sono bambini a cui vengono negati i diritti alla sicurezza, alla nutrizione e l’accesso ad altri beni e la soddisfazione di bisogni primari.

“Dobbiamo uscire da una logica nazionale e territoriale perché la migrazione a cui stiamo assistendo chiede di essere guardata oltre confini e barriere. I bambini e i ragazzi rifugiati e migranti hanno bisogno e hanno il diritto di ricevere una protezione speciale, come affermato nella Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti del fanciullo (articolo 22)" - ha spiegato l'associazione.

I governi dunque devono ora porre i diritti dei bambini al di sopra di tutti gli altri temi di discussione. I bambini rifugiati e migranti, e in particolare i bambini non accompagnati o separati dalle loro famiglie, devono essere la priorità.

Scopri qui tutti gli appuntamenti organizzati dall’Unicef per la Giornata dell’Infanzia 2015.

Guarda il video di presentazione del film Iqbal: bambini senza paura.

Marta Albè

Leggi anche:

I CORSI CHE TI FANNO STARE BENE!

Più di 100 corsi online su Alimentazione, Benessere, Psicologia, Rimedi naturali e Animali a partire da 5€. Test, attestati e la possibilità di vederli e rivederli quante volte vuoi!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su instagram
seguici su facebook
fai la cosa giusta

Dai blog