divieto ardea

Vietato ai bambini giocare. E non è uno scherzo. Ai piccoli studenti della scuola elementare Manzù del comune di Ardea, in provincia di Roma, è stato proibito di "praticare giochi di qualsiasi genere". Il nuovo dictat è comparso dall'oggi al domani su un cartello ufficiale, messoesposto dai vigili urbani su ordine dell'Amministrazione, con tanto di stemma.


Qualcuno leggendolo deve aver pensato ad uno scherzo. Purtroppo, invece, è tutto vero. Tutto nascerebbe dalle lamentele e da decine di esposti presentati da alcuni cittadini: i bambini fanno troppo chiasso e disturbano la quiete pubblica. Ma le mamme non ci stanno. E si ribellano.

Così, hanno attaccato un 'contro cartello': "Se i nostri bambini non possono giocare a questa età, cosa devono fare: drogarsi?". In effetti, a sentire le loro testimonianze raccolte dal sito di informazione online www.InTerris.it, in paese alternative non ce ne sono. E quella piazzetta è l'unico posto dove i piccoli e gli adolescenti possono starsene un po' all'aria aperta in sicurezza, prima e dopo scuola, tra coetanei.

Sulla vicenda è intervenuta anche Pina Tarantino, Responsabile del Comitato Provinciale UNICEF Civitavecchia:

"Leggiamo con stupore il cartello apparso vicino alla scuola elementare Manzù nel piccolo Comune di Ardea (vicino Roma ) 'Vietato praticare qualsiasi gioco'. Ma è uno scherzo? A giorni, esattamente il 20 novembre, ricorre l'importantissimo 25° Anniversario della Convenzione ONU sui diritti dell'Infanzia e dell'Adolescenza. La Convenzione approvata dall'Assemblea generale delle Nazioni Unite il 20 Novembre 1989, ratificata dall'Italia con legge del 27 Maggio 1991 n. 176, depositata presso le Nazioni Unite il 5 settembre 1991".

La Tarantino ricorda anche che è un obbligo applicare e far rispettare l'art. 31 della Convenzione ONU che recita "Gli Stati parti riconoscono al fanciullo il diritto al riposo e al tempo libero, a dedicarsi al gioco ed attività ricreative proprie della sua età e a partecipare liberamente alla vita culturale ed artistica". Non resta che augurarsi che i bambini della scuola elementare Manzù possano tornare a praticare i loro giochi nel piazzale. E che gli adulti tornino a guardare il mondo con gli occhi dei più piccoli. Voi che ne pensate?

Roberta Ragni

Fonte e Photo Credit

LEGGI anche:

10 cose da fare per tornare bambini

20 campioni di nascondino

10 merende sane da portare a scuola

forest bathing sm

Trentino

Forest Bathing e non solo, per guarire con la natura

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
banner orto giardino
whatsapp
seguici su instagram