Smog: 7 conseguenze dell'inquinamento sulla salute dei bambini

smog bambini

Smog e inquinamento, le loro conseguenze sulla salute sono sempre più gravi e colpiscono soprattutto i bambini, in tutta la loro fragilità. Le malattie causate dallo smog nei bambini sono purtroppo un fenomeno in crescita, anche in Italia, a partire dalle allergie respiratorie, fino alle irritazioni oculari, senza contare le patologie legate all'inquinamento industriale, come l'accumulo di piombo nel sangue dei più piccoli.

In Europa i morti da smog sono 10 volte quelli su strada, un segno che dovrebbe portarci seriamente ad agire per ridurre l'inquinamento.

1) Asma infantile

Asma infantile, per i bambini lo smog incide come il fumo passivo. Dietro l'aumento dei casi di asma infantile nel corso degli ultimi anni potrebbe nascondersi l'inquinamento. Dopo aver monitorato l'incidenza dell'asma in dieci città europee, gli scienziati hanno scoperto che l'esposizione allo smog ha più o meno gli stessi effetti di quella al fumo passivo. Secondo una recente ricerca, il 14% dei casi di asma infantile cronica è provocata dall'esposizione all'inquinamento causato dal traffico cittadino.

Leggi anche: Asma infantile: lo smog incide quanto il fumo passivo

2) Cancro al polmone

La correlazione tra smog e tumori ai polmoni è ormai stata confermata da una storica sentenza dell'Oms. Ciò che preoccupa maggiormente è che le gravi malattie polmonari causate dall'inquinamento colpiscono persone sempre più giovani, arrivando anche ai bambini. Emblematico è il caso della bambina cinese malata di cancro ai polmoni a soli 8 anni. Il triste record della Cina ci fa pensare immediatamente alla situazione italiana. Dal pesante inquinamento delle nostre metropoli all'Ilva di Taranto.

Leggi anche: Lo smog provoca cancro al polmone e infarti: arriva la conferma

3) Piombo nel sangue

Sono proprio i bambini tra le vittime più fragili colpite dall'inquinamento causato dall'Ilva a Taranto. La denuncia è sorta da alcuni medici pediatri tarantini riguardo alla presenza di fonti di piombo nell'ambiente, ai quali i più piccoli risultano particolarmente esposti. Acqua, terra e aria sono avvelenate. Nel sangue dei bambini che risiedono nel quartiere di Statte, a ridosso della zona industriale di Taranto, sono stati individuati tra i 22 e i 36 microgrammi di piombo. Secondo i pediatri, qualunque livello di piombemia nell'infanzia può essere associato a possibili esiti neuropsichici.

Leggi anche: Ilva: piombo nel sangue dei bambini di Taranto

4) Congiuntiviti e allergie agli occhi

Lo smog e l'inquinamento urbano possono provocare gravi malattie agli occhi dei bambini. Uno studio condotto di recente su bambini tra 1 e 12 anni residenti a Milano ha evidenziato che il 42% dei piccoli pazienti soffre di rossore e prurito, dolori, lacrimazioni e secrezioni oculari. Si tratta di sintomi provocati proprio dallo smog e dall'inquinamento. Gli esperti parlano già di una nuova entità clinica definita Urban Eye Allergy, un'allergia agli occhi che colpisce i bambini che vivono in città per via dell'elevato tasso di inquinamento.

Leggi anche: Congiuntiviti urbane: lo smog provoca allergie agli occhi dei bambini

5) Malattie respiratorie

Le malattie respiratorie sono in aumento a causa dell'inquinamento, dello smog e dei cambiamenti climatici. Possono colpire tutti, a partire dai pazienti più deboli, tra cui troviamo anche i bambini, soprattutto se sono già soggetti a episodi di rinite allergica. Tra le malattie respiratorie provocate dall'inquinamento gli esperti inseriscono la BPCO, broncopneunopatia cronica ostruttiva e l'aggravamento dei sintomi di influenza, raffreddore, asma, bronchite e tonsillite.

Leggi anche: Malattie respiratorie in aumento per colpa di smog e cambiamenti climatici

6) Dermatite atopica

La dermatite atopica è un disturbo sempre più diffuso in Europa, soprattutto tra i bambini al di sotto dei 5 anni. Un bambino su due ne sarebbe colpito in forme più o meno gravi e visibili. Secondo l'Oms, la maggior parte delle malattie infantili in Europa dovrebbe essere ricondotta all'ambiente malsano e poco salutare in cui i piccoli si ritrovano a vivere. La dermatite atopica si classifica come la più diffusa tra le patologie cutanee riscontrate in età pediatrica.

Leggi anche: Dermatite atopica: aumenta nei bimbi. Smog e inquinamento sotto accusa

7) Autismo

Smog e autismo, un binomio da non sottovalutare. Respirare biossido di azoto e polveri sottili durante la gravidanza e nel primo anno di vita del neonato aumenta il rischio di sviluppare l'autismo. Secondo gli esperti, l'esposizione all'inquinamento è fonte di rischio sia per i nascituri che per i bambini appena nati. Studi recenti hanno rivelato che i bambini che vivevano nelle aree più inquinate avevano il triplo delle possibilità di ammalarsi di autismo rispetto ai piccoli residenti in aree meno soggette allo smog.

Leggi anche: Autismo: il rischio aumenta con smog e inquinamento

Riducendo smog e inquinamento saremmo non soltanto più sani, ma anche più felici.

Marta Albè

Fonte foto: wallpaper.com

Leggi anche:

- Morti da smog 10 volte quelli su strada in UE
- Smog: l'inquinamento provoca i tumori, la storica conferma
- Smog: polveri sottili pericolose anche sotto i limiti imposti dall'Ue