Giochi sulla spiaggia: 10 attività Montessori da fare al mare

bambini-mare

Estate, tempo di vacanze. E anche chi non può permettersi grandi ferie farà quasi sicuramente una scappatina al mare con i bambini. Ecco allora alcune idee per farli divertire sulla spiaggia con attività in stile montessoriano.

Secondo Maria Montessori, il contatto con la natura è fondamentale per la crescita armonica del bambino. L’estate è il momento perfetto per vivere di più all’aria aperta e, dato che i piccoli adorano il mare, non c’è niente di meglio che adattare i giochi montessoriani al nuovo contesto: ossia alla vita in spiaggia!

Anche al mare, infatti, ci sono diverse possibilità per stimolare i bambini con attività creative e divertenti in cui si utilizzano gli elementi naturali presenti: acqua, sabbia, legnetti, vetri levigati dal mare, conchiglie, ecc. Vi ricordiamo però che questi elementi naturali, e in particolare le conchiglie, non andrebbero raccolte e portate a casa (è vietato per legge) possiamo comunque utilizzarle per giocare direttamente sulla spiaggia.

Vi suggeriamo allora 10 attività montessori da fare al mare:

Lavagna di sabbia

Questa attività è perfetta per i bambini che stanno imparando le lettere, dunque per quelli in età prescolare. Per realizzare questa lavagna dovete semplicemente raccogliere della sabbia e trasferirla in un contenitore. Mostrate ora ai piccoli delle lettere su un libro per bambini o scritte da voi su un foglio e chiedetegli poi di replicarle con il dito sulla sabbia. Se sono già più bravi, potete fargli scrivere le varie lettere solo pronunciando il loro nome, senza fargli vedere la forma.

Lettere e numeri di legno

Lettere e numeri in spiaggia possono essere realizzati anche con l’aiuto di legnetti raccolti. Un gioco che coinvolge anche altri bambini potrebbe essere quello di comporre parole, numeri o anche forme sulla sabbia con i legnetti facendo indovinare quanto scritto ad altri partecipanti al gioco.

Numeri riempiti

Sempre per divertirsi al mare, contemporaneamente imparando i primi rudimenti di matematica, è possibile giocare a riempire i numeri precedentemente tracciati sulla sabbia. Si fa vedere al bambino scritto su un foglio il numero da replicare poi con il dito o con un legnetto sulla sabbia e infine gli si chiede di riempirlo con piccole palline o con dei sassolini raccolti.

Scatola sensoriale

Questo gioco è adatto soprattutto ai bambini più piccoli. Prendete un contenitore, meglio se trasparente, e riempitelo di sabbia. Sopra mettete anche diversi elementi naturali raccolti in spiaggia: sassolini, conchiglie, legnetti, vetri colorati, ecc. A questo punto lasciate i bambini esplorare con le mani tutti questi oggetti (fate attenzione ovviamente che non li mettano in bocca) e presentategli le caratteristiche di ciascuno.

Cassetta della scoperta

Una variante della scatola sensoriale potrebbe essere nascondere, in una cassetta di sabbia, alcuni oggetti di forme e materiali differenti. Un gioco adatto in particolare ai bambini più piccoli dato che è in grado di stimolarli a distinguere ciò che toccano sotto diversi punti di vista.

Raccolta di tesori (e di rifiuti)

Anche semplicemente raccogliere i tesori che lascia il mare sulla spiaggia è una bella e semplice attività in stile Montessori. Si possono prendere sassi, vetri colorati levigati dal mare e bastoncini da utilizzare poi per attività e lavoretti.  Si possono raccogliere per colore, forma o tipologia e fare una sorta di collezione oppure servirsene per lavoretti artistici con l’aiuto di colori, colla e tanta fantasia. Ma anche raccogliere e catalogare i rifiuti della spiaggia (ovviamente muniti di appositi guanti), in modo da sensibilizzare i bambini alla pulizia e al corretto riciclo.

Travasi

I bambini piccoli, ma spesso anche quelli più grandicelli, adorano i travasi. Il mare per quest’attività è davvero il luogo ideale dato che vi è la sabbia e l’acqua (ma anche altri elementi naturali) con cui giocare e divertirsi. Si possono fare utilizzando le mani e un secchiello, oppure servirsi di palette, annaffiatoio, passini o mulini (giochi da mare molto amati dai piccoli!). Grazie a questa attività il bambino lavora su concentrazione e coordinazione motoria.

Travaso con le spugne

Una variante dei più classici travasi, perfetta per la spiaggia, è quella che prevede l’utilizzo di alcune spugnette (che porterete da casa). Per giocare occorrono almeno due bambini che si sfideranno tra loro per riuscire a travasare quanta più acqua da un secchiello all’altro, solo utilizzando le spugne e in un determinato tempo.

Castelli e torte di sabbia

formine-sabbia

Anche i classici castelli di sabbia, che tanto amano fare i bambini, sono un ottimo gioco creativo e stimolante. Una simpatica variante potrebbe essere quella di realizzare dei dolcetti o delle torte di sabbia di varie forme e dimensioni (potete utilizzare delle formine oppure farle a mano e realizzarle anche su più piani) simulando poi una festa. Dei legnetti raccolti possono diventare delle candeline da mettere sopra. I piccoli si divertiranno molto e avranno modo di dare sfogo alla loro fantasia anche realizzando sculture di sabbia giganti.

Campana

La sabbia ben si presta anche al gioco della Campana. Possiamo infatti disegnarvi sopra il percorso e utilizzare un sassolino o un vetro colorato per giocare. Una bella idea anche per far interagire tra di loro i vari bambini presenti in spiaggia.

Leggi anche:

Francesca Biagioli

Triumph

Together we recycle: Triumph ricicla i capi usati in nome dell’ambiente

Salugea

Come depurare il fegato con gli estratti vegetali

Orticolario 2019

Torna la mostra dedicata a chi vive la natura come stile di vita

Hipp

Cosa si nasconde davvero dietro ai prodotti biologici: viaggio nella biofattoria di Hipp

dobbiaco

tuvali
seguici su Facebook