La zanzara coreana si sta diffondendo rapidamente anche in Italia e sopravvive pure al freddo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Resiste al freddo e per questo punge anche d’inverno: la sgradevole presenza della zanzara coreana in Italia, la Aedes koreicus, non si è fatta attendere nemmeno quest’anno. Il suo primo avvistamento risale al 2011 e da allora fa capolino ogni anno, al calare delle temperature, in precise regioni italiane.

Sono infatti il Friuli Venezia Giulia, il Trentino Alto Adige, il Veneto, la Lombardia e la Liguria ad esserne maggiormente interessate, complici le temperature molto basse, le grandi altitudini e i luoghi umidi dove sono presenti ristagni d’acqua.

Qui si sta diffondendo rapidamente e quel che desta allarme è che la zanzara coreana può rappresentare un pericolo concreto per la salute umana e animale, capace com’è di trasmettere anche il virus dell’encefalite giapponese e la filariosi, pericolosi per l’uomo e gli animali.

Da dove viene la zanzara coreana e come si riconosce

La Aedes koreicus o meglio zanzara coreana è arrivata da noi nel 2011, quando fu rilevata nella provincia di Belluno durante una normale attività di monitoraggio della zanzara tigre.

A “importarla” è stato il commercio di piante tropicali e probabilmente di altre merci. Molto simile alla zanzara tigre (la Aedes albopictus), proviene dalle giungle del sud-est asiatico. Rispetto alla tigre, però, ha una maggiore capacità di adattamento ai climi freddi del nord Europa (infatti è presente in alcune zone del Belgio) e differisce dalla tigre per la mancanza della linea bianca longitudinale presente sul dorso.

È più grande della zanzara tigre e meno aggressiva, è anch’essa diurna e sfrutta piccoli ristagni di acqua per deporre le uova.

In generale, la sola puntura della zanzara coreana non produce sintomi particolari, né si riscontrano prurito e dolore diversi rispetto alle punture delle altre specie. Solo se la femmina che punge dovesse essere infetta, potrebbe trasmettere malattie come la filariosi canina, la filariasi linfatica e l’encefalite giapponese.

Per il momento, però, nessun virus è stato trasmesso né si registra un reale pericolo per la popolazione.

Come proteggersi dalle zanzare coreane? Come per tutti i tipi di zanzara, valgono le stesse regole. Qui trovate tutti i rimedi efficaci per adulti e bambini per diventare “invisibili” a questi insetti e per lenire le punture.

Leggi anche:

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, classe 1977, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing e correzione di bozze. Direttore di Wellme.it per tre anni, scrive per Greenme.it da dieci. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Deceuninck

L’importanza della luce naturale in casa e come ottenere giochi di luce con qualche accortezza

Mediterranea

Siero viso anti-age con buon Inci: la prova prodotto di Olive Mediterranea

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook