Coronavirus, a Wuhan prove tecniche di normalità. Chiusi gli ospedali improvvisati

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Dopo settimane di paura la Cina torna a respirare. A Wuhan chiudono gli ospedali provvisori realizzati proprio per gestire il gran numero di ricoverati a causa del coronavirus. Ieri è stato chiuso il più grande dopo che l’ultimo paziente è tornato a casa guarito.

Per settimane è stata al centro delle cronache di tutto il mondo ma adesso Wuhan si avvicina lentamente alla normalità. La città è stata l’epicentro del contagio ed è stata messa in ginocchio dall’epidemia di coronavirus.

Per gestire l’elevato numero di persone contagiate e bisognose di cure mediche, la città ha aperto ben 16 ospedali provvisori ma ormai le strutture sono quasi tutte chiuse dopo le dimissioni degli ultimi pazienti fuori pericolo.

La notizia arriva insieme a quella del forte calo di nuovi casi in tutta la provincia di Hubei, in cui si trova Wuhan, ma rimane alta l’allerta. Numeri alla mano, per la prima volta dal 24 gennaio ci sono meno di 200 nuove infezioni da Covid-19.

Sono cifre impressionanti quelle che riguardano la risposta della città all’emergenza sanitaria. In una manciata di giorni sono stati allestiti 16 ospedali temporanei, che hanno aggiunto a quelli esistenti – 5000 – altri 13.000 posti letto.

Da adesso in poi, i nuovi pazienti saranno assegnati prima agli ospedali designati e, solo in caso di necessità, verranno riaperti quelli provvisori. Oggi i numeri sono esigui: i nuovi contagiati sono circa 40, l’aumento più lieve dal 20 gennaio.

Si respira aria di normalità in Cina, dove anche le scuole sono prossime alla riapertura, dove si ritorna al lavoro. Anche se è presto per cantare vittoria, l’emergenza fa sempre meno paura.

In Italia rischiamo il collasso

Numeri e notizie che fanno riflettere visto che in questo momento in Italia ciò che si teme di più è che i nostri ospedali non riescano a reggere la pressione a causa della mancanza di strutture adeguate. Se il numero di persone che hanno bisogno di ricovero in terapia intensiva continuerà ad aumentare, i medici si troveranno a operare scelte drammatiche.

Per questo l’invito è quello di rimanere in casa il più possibile, limitando le uscite ai casi di stretta necessità in modo da evitare la diffusione del virus.

Fonti di riferimento: Reuters

LEGGI anche:

Coronavirus da Nord a Sud, scoppia il caos nelle carceri: 20 evasi a Foggia, 6 morti

Coronavirus: come ridurre l’ansia e gestire lo stress di adulti e bambini. I consigli dell’OMS

 

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook