West Nile: 10 persone ricoverate nel lodigiano. I sintomi principali

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Sono ben 10 i casi di infezione da West Nile nel lodigiano: si tratta di persone di età compresa tra 49 e 79 anni tutte ricoverate all’ospedale Maggiore di Lodi. I pazienti trovati positivi al virus, trasmesso non tra persona e persona ma dalla puntura della zanzare, hanno sintomi diversi tra loro, tra cui mal di testa, febbre, nausea, vomito ed eruzioni cutanee. pazienti

Per questo sono ospitati in reparti differenti, tra cui Neurologia e Medicina. Il paziente più grave è ricoverato con una mielite, una grave condizione neurologica.

Sono diversi anni, ormai, che prima la Asl di Lodi e poi l’Ats metropolitana prescrivono ai Comuni ripetute disinfestazioni, unico mezzo per prevenire la proliferazione delle zanzare (in particolare del genere Culex). È ormai infatti noti che almeno dalla seconda metà di luglio fino a settembre, in condizioni climatiche quali quelle della Pianura padana, si possono registrare casi di West Nile.

Cos’è il West Nile

La West Nile Fever, la febbre del West Nile (Africa, Asia occidentale, Europa, Australia e America), è una malattia provocata dal virus West Nile (Wnv), un virus della famiglia dei Flaviviridae isolato per la prima volta quasi negli anni ’40 in Uganda, nel distretto West Nile.

portare il virus sono gli uccelli migratori selvatici e le zanzare, le cui punture sono il principale mezzo di trasmissione per l’uomo. Altri mezzi di infezione documentati, anche se più rari, sono trapianti di organi, trasfusioni di sangue e la trasmissione madre-feto in gravidanza.

La febbre West Nile non si trasmette da persona a persona tramite il contatto con i soggetti infetti e, attenzione, può infettare anche altri mammiferi, soprattutto equini, ma anche cani, gatti, conigli e altri.

Incubazione e sintomi

Il periodo di incubazione dal momento della puntura della zanzara infetta varia fra 2 e 14 giorni, ma può essere anche di 21 giorni nei soggetti che abbiano deficit a carico del sistema immunitario.

Molte persone infette sono asintomatiche o hanno sintomi leggeri che possono durare pochi giorni come:

  • febbre
  • mal di testa
  • nausea
  • vomito
  • linfonodi ingrossati
  • sfoghi cutanei
  • arrossamento degli occhi
  • dolori muscolari

Negli anziani e nelle persone debilitate, invece, i sintomi possono essere più gravi.

I sintomi più gravi (per 1 persona su 150) riguardano:

  • febbre alta
  • forti mal di testa
  • debolezza muscolare
  • disorientamento
  • tremori
  • disturbi alla vista
  • torpore e convulsioni

Per ogni evenienza rivolgetevi al vostro medico di fiducia.

Fonte: Sky Tg24

Leggi anche:

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, classe 1977, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing e correzione di bozze. Direttore di Wellme.it per tre anni, scrive per Greenme.it da dieci. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Deceuninck

L’importanza della luce naturale in casa e come ottenere giochi di luce con qualche accortezza

Mediterranea

Siero viso anti-age con buon Inci: la prova prodotto di Olive Mediterranea

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook