Il volontario trentottenne ricoverato per coronavirus che ogni giorno ci racconta com’è vivere attaccati ad un respiratore

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Si chiama Pierpaolo Zito è un giovane volontario e soccorritore di Genova. Probabilmente, proprio prestando servizio durante questa emergenza sanitaria, è stato contagiato dal coronavirus e ora si trova ricoverato all’ospedale San Martino. Da lì fa video dirette ogni giorno per sensibilizzare le persone sull’importanza di rimanere a casa.

Ogni giorno Pierpaolo, 38 anni di Genova, già soccorritore nei giorni successivi al crollo del Ponte Morandi, pubblica video e foto sul suo profilo Facebook per far prendere coscienza a tutte le persone della gravità della situazione, sottolineando l’importanza di stare a casa, rispettando tutte le regole.

Ci ricorda che questo virus colpisce purtroppo, a discapito di quello che si possa pensare,  anche alcuni giovani e che dunque non va sottovalutato. Importante mantenere l’isolamento sociale soprattutto per tutelare le fasce più deboli della popolazione: anziani, immunodepressi e persone con patologie pregresse che stanno pagando il prezzo più caro per la diffusione del coronavirus, soprattutto in alcune regioni del Nord Italia.

Si riprende anche mentre è sottoposto all’ossigenoterapia sotto un grande casco e non può parlare ma solamente salutare tutti con la mano.

Il suo messaggio è stato condiviso migliaia di volte sui social ed è stato visto da oltre 65 mila utenti. In tantissimi gli hanno mostrato solidarietà da ogni parte del mondo e Pierpaolo ha trovato il modo di ringraziarli tutti con queste parole:

“Per ora mi limito solo a dirvi un “grazie di cuore”, per tutto quello che avete fatto per me, per il grande affetto che mi avete dimostrato. Per le centinaia di persone che da ieri mi chiedono l’amicizia e mi incoraggiano con messaggi privati, per chi ha gli occhi lucidi come i miei da stamani, per chi condivide il mio video che ha fatto più visualizzazioni di un influencer, e scusate il brutto gioco di parole. Mi sono reso conto che i social non sono poi così male. Puoi conoscere persone talmente speciali che molte volte non ti capaciti di comprendere perché le cose in Italia vanno sempre peggio. Penso che sto rispondendo a tutti da ieri sera. Siete la mia forza e in questa battaglia ne ho davvero bisogno. Amici, girate a più non posso il messaggio di RIMANERE A CASA con il mio video di ieri sera”.

 

Fortunatamente sembra che le condizioni di Pierpaolo siano in miglioramento e ovviamente è lui stesso a dichiararlo sui social a tutte le persone che ora si preoccupano per la sua salute.

Il volontario non perde l’occasione anche per ringraziare tutto il personale che lo sostiene all’interno dell’ospedale.

Fonte: Facebook @Pierpaolo Zito

Leggi anche:

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook