Vitamina D: come ottenere la tua dose giornaliera con un semplice trucco suggerito dalla nutrizionista

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Si chiama Laura Ford la nutrizionista di Melbourne che ha svelato un trucco, diventato virale su Tik Tok, per aumentare la dose giornaliera di vitamina D. Il trucco consiste nel lasciare i funghi al sole per una quindicina di minuti. I funghi infatti contengono un composto che converte la luce solare in una forma utilizzabile di D2.

Il composto è l’ergosterolo che, come spiegato da Laura, viene convertito in vitamina D2 quando esposto alla radiazione ultravioletta. E la cosa bella è che i funghi esposti al sole mantengono alti livelli di D2, la vitamina D di origine vegetale, anche se cotti e tritati.

La conferma arriva anche dall’Australian Mushrooms che ha dichiarato che “attraverso l’azione della luce solare, (i funghi) convertono il loro abbondante ergosterolo in ergocalciferolo (vitamina D2)” e da uno studio intitolatoFotobiologia della vitamina D nei funghi e sua biodisponibilità nell’uomo”, secondo il quale “i funghi esposti alla luce solare o ai raggi UV sono un’ottima fonte di vitamina D 2 nella dieta perché contengono alte concentrazioni del precursore della vitamina D, la provitamina D2.”

Insomma, l’informazione fornita dalla nutrizionista di Melbourne, che inizialmente aveva suscitato qualche perplessità, sembra essere vera!

FONTI: DermatoEndocrinology/Sbs

Per approfondire:

 

 

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze dei Beni Culturali, redattrice web dal 2008 e illustratrice dal 2018, ha pubblicato per Giochidimagia Editore "Il sogno attraverso il tempo". Con SpiceLapis ha realizzato "Memento Mori, guida illustrata ai cimiteri più bizzarri del mondo".
Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook