@Belchonock/123rf

Vitamina D: la migliore bevanda da bere a colazione per evitare sintomi di carenza durante l’inverno

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La vitamina D è fondamentale per il benessere del nostro organismo. Scopriamo come farne incetta ed evitare una carenza durante l’inverno

La vitamina D è un nutriente naturale derivato dalla luce solare, per questo è anche definita come “la vitamina del sole”. Si tratta di un nutriente essenziale, vitale per la forza ossea e per aumentare i livelli di serotonina, ma nei mesi invernali può essere più difficile ottenerla, a causa della scarsità di luce solare.

Una mancanza di vitamina D può causare alcune implicazioni sulla salute, ad esempio è stata collegata alla mancanza di energia e affaticamento, immunità ridotta e, di conseguenza, all’ammalarsi più spesso, dolore alla schiena e alle ossa, umore basso, rallentamento nel processo di guarigione delle ferite, perdita di capelli, oltre a dolori muscolari.

Secondo gli esperti, quindi, si può correre il rischio di carenza durante l’inverno, anche se ci sono alcuni cambiamenti nella dieta che possono aiutare ad aumentare l’assunzione, inclusa una specifica bevanda ideale per la colazione.

Durante la stagione fredda, quindi, è molto comune avere una carenza di vitamina D; si stima che circa un miliardo di persone in tutto il mondo non ne abbia abbastanza. Fortunatamente, ci sono alcuni semplici modi per incorporare fonti alternative di vitamina D nella tua routine quotidiana.

Come inserire più vitamina D nella dieta durante l’inverno

Uno dei modi migliori per aumentare l’assunzione di vitamina D è attraverso la dieta. Gli esperti sottolineano che ci sono alcuni alimenti inaspettati e meno conosciuti che possono aumentare i livelli di nutrienti.  Uno studio del 2010 aveva, ad esempio, sottolineato l’efficacia di bere succo d’arancia fortificato per mantenere costanti i livelli di vitamina D2  e D3. 

Una tazza, che misura circa 237 ml, di succo d’arancia fortificato a colazione è ottimo per iniziare la giornata e apporta un massimo di 100 UI di vitamina D, ossia circa il 12% del valore giornaliero raccomandato. Gli alimenti e le bevande fortificati, come il succo d’arancia, hanno ulteriori nutrienti aggiuntivi e sono pensati come un modo semplice per aumentare il valore giornaliero raccomandato di vitamine essenziali.

Per coloro che hanno particolarmente bisogno della vitamina D è consigliabile consultare il proprio medico, che potrebbe prescrivere un integratore di vitamina D per aiutare con la regolazione del flusso di insulina e bilanciare lo zucchero nel sangue, consentendo ai cicli ormonali naturali del corpo di funzionare in modo più efficace.

In caso di integratore, assicurati che sia della varietà D3, non D2 poiché questa è la forma biologicamente attiva di vitamina D che viene assorbita più facilmente dal nostro organismo. 

Fonte: The American Journal of Clinical Nutrition

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Ti potrebbe interessare:

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue e Civiltà Orientali presso l'Università degli Studi di Roma La Sapienza. Ha diversi anni di esperienza nella comunicazione digitale. Appassionata di beauty, fitness, benessere e moda sostenibile.
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook