Virus Zika: cosa deve fare chi va all’estero (e non solo)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Non si placa l’allarme attorno al virus Zika, noto anche come Zikav o Zikv. Anche se gli epidemiologi assicurano che questo virus non è naturalmente presente in Europa e non vi sono evidenze di trasmissione da uomo a uomo, un po’ di ansia la mette, soprattutto se si considera che si può collegare alla comparsa di gravi patologie nei neonati.

Già presente in 21 Paesi su 55 del continente americano, il virus Zika sarebbe causato dalla stessa zanzara, la Aedes Aegypty, che può trasmettere la febbre dengue e il chikungunya (si tratta di una specie tra l’altro diffusa in tutto il continente con le sole eccezioni del Canada e del Cile). I casi confermati di microcefalia in Brasile tra ottobre 2015 e il 23 gennaio 2016 sono stati 270 e di questi sei sono stati riportati al virus Zika.

NEL MONDO E IN EUROPA – I Paesi in cui al momento sono in corso epidemie di virus Zika a rapida evoluzione sono: Colombia, Brasile, Suriname, El Salvador, Guiana Francese, Honduras, Martinica (Dipartimento francese d’oltremare), Messico, Panama, Venezuela. Mentre, i Paesi in cui al momento vengono segnalati casi e trasmissione sporadica dopo un’introduzione recente del virus Zika sono: Barbados, Bolivia, Ecuador, Guadalupe, Guatemala, Guyana, Haiti, Porto Rico, Paraguay, Saint Martin.
Anche in Europa il virus ha fatto la sua comparsa (in Italia, Gran Bretagna, Portogallo, Danimarca e Svizzera), ma i casi riguardano persone che hanno contratto il virus nel 2015 nei paesi interessati dall’epidemia e che sono guarite.

(L’elenco aggiornato delle zone colpite nel corso degli ultimi nove mesi si può consultare alla pagina del sito ECDC).

In ogni caso, e sebbene l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) per adesso non raccomanda particolari restrizioni di viaggi e di movimenti internazionali verso le aree interessate dalla trasmissione di virus Zika, il nostro Ministero della Salute ha inviato agli Assessorati alla sanità, ai Ministeri e agli enti coinvolti, una nuova circolare sulle misure di prevenzione e controllo delle infezioni da virus Zika e fornisce una serie di raccomandazioni per va o proviene dai Paesi affetti.

opsucolo 1 zika

Ecco quali:

– Non dimenticate di portare con voi repellenti per zanzare e tenete a mente che quelli a base DEET possono essere utilizzati senza controindicazioni da donne in gravidanza ma non sono raccomandati in presenza di bambini sotto i tre mesi di età

– Mettete in valigia camicie a maniche lunghe e pantaloni lunghi e indossateli soprattutto durante le ore in cui il tipo di zanzara che trasporta il virus Zika (Aedes) è più attivo

– Soggiornate e dormite in camere schermate o climatizzate e utilizzate le zanzariere anche durante il giorno

– Se soffrite di disturbi del sistema immunitario, con gravi malattie croniche, se (soprattutto!) aspettate un bebè o portate con voi bambini piccoli, consultate il vostro medico prima della partenza, per ottenere tutte le raccomandazioni sulle misure preventive

E SE IL VIRUS MI HA GIA’ COLPITO? Se presentate sintomi compatibili con la malattia da virus Zika (LEGGI QUI) entro le tre settimane dal ritorno dalle aree in cui è stata riportata la trasmissione locale del virus, andate dal vostro medico e riferite del recente viaggio.

Germana Carillo

LEGGI anche:

Il virus Zika arriva in Europa: cos’è, sintomi e trattamento

Epidemia di microcefalia tra i neonati in Brasile: colpa di un virus trasmesso dalle zanzare?

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook