Il vino rosso fa dimagrire e potrebbe aiutare gli astronauti a mantenersi in forma su Marte

Vino rosso

Che il vino rosso comportasse diversi benefici per la salute era cosa risaputa ma che addirittura facesse dimagrire è una novità, e senz’altro una buona notizia. Lo ha dimostrato una ricerca pubblicata dall’Università di Alberta, secondo la quale il resveratrolo, fenolo contenuto nel vino rosso, può migliorare l’allenamento fisico, aiutando di conseguenza a mantenersi in forma e a perdere peso.

E c’è di più: la stessa sostanza aiuta a preservare la massa muscolare e questa è un’ottima notizia non solo per noi ma anche per gli astronauti diretti verso Marte, bisognosi più di chiunque altro di proteggerla, dato che in assenza di gravità i muscoli e le ossa diventano più deboli.

Lo ha dimostrato uno studio condotto da Marie Mortreux per la Nasa, tramite delle simulazioni in laboratorio sui ratti a cui è stato somministrato il resveratrolo, alcuni esposti alla gravità terrestre, altri a quella marziana, per 14 giorni.

Ad alcuni ratti dei due gruppi veniva somministrato il fenolo in acqua, agli altri solo acqua. Il risultato? La gravità marziana ha indebolito moltissimo i ratti che non assumevano resveratrolo ma non quelli che lo bevevano, i quali hanno mantenuto una massa muscolare quasi identica.

A dimostrazione che questa sostanza potrebbe prevenire il problema dell’indebolimento in assenza di macchinari per l’allenamento. Anche se bisogna ancora capire se ci siano effetti collaterali e quali siano le dosi di sostanza somministrabili all’uomo.

L’altra ricerca citata, pubblicata sul Journal of Physiology e finanziata dal Canadian Institutes of Health Research, è stata invece condotta da Jason Dyck, ricercatore di Alberta Innovates – Health Solutions con numerose competenze in vari ambiti medici, e dal suo team che, attraverso gli esperimenti di laboratorio effettuati, hanno rilevato l’importanza del resveratrolo per le prestazioni fisiche, la funzione cardiaca e la forza muscolare, ribadendone l’efficacia da questo punto di vista.

Certo, non è che il resveratrolo sia un sostituto dell’attività fisica ma può potenziarne gli effetti benefici, come sottolinea lo stesso Jason Dick, e nel caso di persone fisicamente incapaci può senz’altro rappresentare un aiuto perché assicura benefici simili al corpo. Benefici di cui possono avvantaggiarsi anche gli astronauti.

Invece dal punto di vista dietetico il resveratrolo, considerato un ottimo antinfiammatorio e antiossidante, utile anche per la fluidificazione del sangue, avrebbe la capacità di impedire alle cellule di grasso di addensarsi, favorendone l’uso da parte dell’organismo per l’energia. Senza contare che ridurrebbe il senso di fame.

Oltre allo studio citato, anche un altro condotto dagli scienziati della Washington State University, ha dimostrato che il resveratrolo aiuta a combattere l’obesità. Lo studio condotto sui topi ha infatti evidenziato che quelli a cui veniva somministrata una maggiore quantità di questo fenolo, bruciavano con più facilità i grassi in eccesso, trasformandoli in grassi buoni.

Ma una cattiva notizia c’è e riguarda proprio il vino rosso che sì, contiene resveratrolo, ma in una quantità davvero minima e quindi non sufficiente a renderlo efficace come rimedio contro l’obesità, sebbene un utilizzo moderato sia comunque utile per potenziare l’esercizio fisico e migliorare la forma.

Ma ancora meglio, secondo i ricercatori, è mangiare direttamente l’uva rossa.

Ti potrebbe interessare anche:

Laura De Rosa

 

Germinal Bio

Dire addio alla plastica si può: l’esempio da seguire di Germinal Bio

WhatsApp

Usi WhatsApp? Iscriviti alle nostre news gratuite

Salugea

Come depurare il fegato con gli estratti vegetali

Triumph

Together we recycle: Triumph ricicla i capi usati in nome dell’ambiente

tuvali
seguici su Facebook