Il veleno delle api può uccidere rapidamente le cellule tumorali al seno. Lo studio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il veleno delle api da miele è in grado di uccidere rapidamente le cellule di cancro al seno più aggressive e difficili da trattare. Secondo una nuova ricerca australiana potenzialmente rivoluzionaria, infatti, è soprattutto la melittina, la componente principale del veleno, a indurre la morte cellulare, in particolare nei sottotipi di cancro al seno aggressivo triplo negativo.

La ricerca proviene dall’Harry Perkins Institute of Medical Research ried ed è stata pubblicata su Nature Precision Oncology e arriva a un entusiasmante risultato: se combinato con i farmaci chemioterapici esistenti, la componente principale del veleno è estremamente efficiente nel ridurre la crescita di un tumore mammario.

È per questo che la ricercatrice Ciara Duffy, alla guida dello studio, spera che la scoperta porti allo sviluppo di un trattamento per il cancro al seno triplo negativo, che rappresenta il 10-15% di tutti i tumori al seno e per il quale non esistono attualmente terapie mirate clinicamente efficaci.

Lo studio

Usando il veleno di 312 api mellifere e bombi di Perth, Australia occidentale, Irlanda e Inghilterra, la Duffy e il suo staff hanno testato l’effetto del veleno sui sottotipi clinici di cancro al seno, tra cui carcinoma mammario triplo negativo, che ha opzioni di trattamento limitate.

I risultati hanno rivelato che quel veleno ha rapidamente distrutto il cancro al seno triplo negativo e le cellule di cancro al seno arricchite HER2.

Duffy ha affermato che lo scopo della ricerca era quello di indagare le proprietà anti-cancro del veleno di api mellifere e di un composto componente, la melittina, su diversi tipi di cellule di cancro al seno e ha mostrato che una concentrazione specifica del veleno ha ucciso il 100% del cancro al seno triplo negativo e delle cellule di cancro al seno con iperespressione della proteina HER2 entro 60 minuti, pur avendo effetti minimi sulle cellule normali.

Abbiamo riscontrato che sia il veleno d’ape che la melittina hanno ridotto significativamente, selettivamente e rapidamente la vitalità del cancro al seno triplo negativo e delle cellule di cancro al seno arricchite con HER2. Il veleno era estremamente potente”, conclude Duffy.

Una concentrazione specifica di veleno di api può indurre il 100% della morte delle cellule tumorali, pur avendo effetti minimi sulle cellule normali.

Abbiamo scoperto che la melittina può distruggere completamente le membrane delle cellule tumorali entro 60 minuti”. In più, entro 20 minuti, la melittina è stata in grado di ridurre sostanzialmente i messaggi chimici delle cellule tumorali che sono essenziali per la crescita e la divisione cellulare delle cellule tumorali.

Abbiamo esaminato il modo in cui il veleno e la melittina delle api influenzano le vie di segnalazione del cancro, i messaggi chimici che sono fondamentali per la crescita e la riproduzione delle cellule tumorali, e abbiamo scoperto che molto rapidamente queste vie di segnalazione sono state interrotte.

ciara duffy

Ciara Duffy

La melittina ha modulato la segnalazione nelle cellule di cancro al seno sopprimendo l’attivazione del recettore che è comunemente sovraespresso nel carcinoma mammario triplo negativo, il recettore del fattore di crescita epidermico, e ha soppresso l’attivazione di HER2 che è sovraespresso nel seno arricchito con HER2 cancro”, spiega.

Significativamente, questo studio dimostra come la melittina interferisca con le vie di segnalazione all’interno delle cellule di cancro al seno per ridurre la replicazione cellulare e fornisce un altro meraviglioso esempio di come i composti in natura possano essere usati per curare malattie umane, concludono all’unanimità gli esperti, che hanno scoperto anche come la melittina possa essere utilizzata con piccole molecole o chemioterapie, come il docetaxel, per trattare tipi di cancro al seno altamente aggressivi.

Uno dei primi rapporti sugli effetti del veleno d’api fu pubblicato su Nature nel 1950, secondo cui il veleno riduceva la crescita dei tumori nelle piante. Tuttavia, il dottor Duffy ha affermato che è stato solo negli ultimi due decenni che l’interesse è cresciuto in modo sostanziale sugli effetti del veleno delle api su diversi tumori.

In futuro, saranno necessari studi per valutare formalmente il metodo ottimale di somministrazione della melittina, nonché le tossicità e le dosi massime tollerate.

Fonte:

Leggi anche:

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

TuVali.it

150+ corsi online su Salute e Benessere, a partire da 5€ (in collaborazione con GreenMe)

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook