Antipertensivi Valsartan Mylan e Valsartan Alter ritirati dalle farmacie. Tutti i lotti pericolosi

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Valsartan, altri richiamo da parte dell’Agenzia italiana del farmaco. Sono stati ritirati altre tipologie di medicinali che utilizzano questo principio attivo.

Non c’è pace per il farmaco usato per il trattamento dell’ipertensione. Dopo il recente ritiro del Valsartan Idroclorotiazide Teva, ora l’Agenzia italiana del farmaco ha ritirato altri lotti di questo farmaco della casa faramaceutica Mylan.

Il motivo è la presenza di impurezza derivante dal processo di produzione della materia prima. La ditta Mylan ha comunicato l’avvio della procedura di ritiro che il Comando Carabinieri per la Tutela della Salute è invitato a verificare.

Il primo riguarda il Valsartan prodotto dalla casa farmaceutica Mylan. I medicinali contengono infatti delle impurezze derivante dal processo di produzione della materia prima.

Ecco tutti i lotti ritirati:

VALSARTAN MY*28CPS 80MG – AIC 040225043,

VALSARTAN MY*28CPS 160MG – AIC 040225068,

VALSARTAN MY*14CPR RIV 40MG – AIC 041442031,

VALSARTAN MY*28CPR RIV 320MG – AIC 041442361,

VALSARTAN ID MY*28CPR80+12,5MG – AIC 041255011,

VALSARTAN ID MY*28CPR 160+25MG – AIC 041255035,

VALSARTAN ID MY*28CPR 160+12,5 – AIC 041255023,· VALSARTAN ID MY*28CPR 320+12,5 – AIC 041255062

VALSARTAN ID MY*28CPR 320+25MG – AIC 041255074.

Il secondo richiamo, riguardante sempre il Valsartan Alter. A ritirarlo è stata l’omonima casa farmaceutica, secondo cui anche in questo caso potrebbe contenere impurezze.

I lotti ritirati sono i seguenti:

VALSARTAN ALT*28CPRRIV 80MG – AIC 039810041 – lotto n. N002B scad. 30-7-2020 ,

VALSARTAN ALT*28CPR RIV 160MG – AIC 039810066 – lotto n. N004A scad. 1-7-2020 e

VALSARTAN ALT*28CPR RIV 320MG – AIC 039810092 – lotto n. N001B scad. 1-2-2020.

A segnalarne il richiamo è stato Sportello dei diritti.

Se state utilizzando questi farmaci, controllate i lotti ma in ogni caso non interrompete la terapia senza aver prima consultato il vostro medico di famiglia e valutate con lui una eventuale terapia sostitutiva.

Il fai da te è vietato.

Leggi anche:

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
ECS

Ripartire in green: come alberghi e strutture ricettive possono rilanciarsi investendo sul turismo verde

Foodspring

Colazione proteica vegan per chi la mattina ha il tempo contato

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook