Lavorare all’uncinetto nei reparti di oncologia per scacciare stress e cattivi pensieri

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Chi arriva nel reparto oncologico per affrontare le terapie contro il cancro è spesso preda di forte ansia, stress e brutti pensieri. A combattere queste sensazioni negative e far sì che la lotta contro la malattia sia più proficua e serena può riuscire un semplice uncinetto oltre che la compagnia e il sostegno di altre donne.

Lavorare all’uncinetto nelle sale d’attesa della struttura in cui si è in cura per una patologia tumorale. È questa l’idea e il progetto sviluppato nei reparti oncologici di una serie di ospedali dislocati un po’ in tutta Italia: da Messina a Torino, da Latina a Milano, ma anche a Biella e Bergamo.

Le donne che combattono il tumore al seno vengono aiutate a lavorare all’uncinetto (se già non sanno farlo) dai volontari di Gomitolo Rosa, associazione che promuove il lavoro a maglia per contribuire al benessere dei pazienti e favorire la solidarietà verso soggetti più deboli, attraverso il recupero delle lane autoctone. Al progetto partecipano però anche altre associazioni del territorio.

In pratica nella sala di attesa, invece diventare preda di brutti pensieri, le donne hanno l’opportunità di svagarsi e socializzare creando esagoni di diversi colori, simili a centrini, realizzati appunto all’uncinetto.

 

Di bello c’è anche che la lana utilizzata nel progetto viene in qualche modo salvata dalla discarica e di fatto rimessa in circolo con creazioni che sono poi effettivamente adoperate. Gli esagoni realizzati dalle donne, infatti, verranno successivamente uniti a formare delle coperte che saranno donate ai senzatetto.

Foto © ilcaffe.tv

Come ha spiegato Ivana Apolloni di Gomitolo Rosa, l’associazione nazionale a capo del progetto, a CafèTv di Latina:

“Utilizziamo una lana non assorbita dal mercato e che altrimenti verrebbe bruciata o sotterrata e la trasformiamo in un messaggio a scopo solidale . Questo materiale scartato dalle mercerie si presta alla creazione di oggetti che ri-utilizziamo nel sociale, creando una vera e propria economia circolare: coperte, sciarpe, mantelle. Lavorare ad un progetto unico aiuta a sentirsi meno soli. La nostra missione è far capire l’importanza che può avere la lanaterapia come terapia alternativa soprattutto in ambito oncologico, dove lo stress e le incertezze sono maggiori”.

Foto © ilcaffe.tv

La stanza del reparto Breast Unit, dell’ospedale Santa Maria Goretti di Latina, ha una porta sempre aperta per tutte le pazienti in cerca di un po’ di sollievo dai cattivi pensieri. E le volontarie raccontano che effettivamente tante persone si affacciano incuriosite e magari iniziano a lavorare evitando di pensare all’imminente operazione a cui devono sottoporsi, alle pesanti terapie, ecc.

Un bel sollievo, per quanto possibile, per queste donne guerriere!

Fonte: ilcaffe.tv

Leggi anche:

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook